Italy

Mps in profondo rosso ( perdita di 1,1 mld nel semestre) e spunta l’ipotesi di nuovi aiuti pubblici nel decreto agosto

Banca MPS chiude i primi sei mesi dell’anno con perdite per quasi 1,1 miliardi di euro (845 milioni relativi al solo periodo aprile – giugno). Ma le indiscrezioni su un possibile nuovo intervento da parte del Tesoro sostengono il titolo in borsa. Qualcosa più che indiscrezioni a dire il vero, visto che alcune righe del decreto agosto sono dedicate ad un nuovo possibile intervento di ricapitalizzazione della banca senese con uno stanziamento fino a 1,5 miliardi di euro.

Già oggi il Tesoro possiede il 68% della banca, acquistato nel 2017 staccando un assegno da 6,9 miliardi che hanno salvato l’istituto. Il Mef pagò le azioni MPS 4,28 euro l’una. Oggi valgono 1,5 euro, il 65% in meno. Una perdita potenziale per lo Stato di 4,5 miliardi. In basi agli impegni con Bruxelles lo Stato dovrebbe sfilarsi dalla banca entro il 2021. Molto probabile insomma che queste perdite diventino reali. Tornando ai conti semestrali la banca ha accusato un calo dei ricavi dell’8,4% e il calo dei costi di oltre il 5% non è stato sufficiente per compensare i mancati introiti. In mattinata Mps ha siglato un accordo con i sindacati per una riduzione dell’organico da 25o dipendenti. A fronte di 500 uscite volontarie sono previste 250 nuove assunzioni. Il nuovo piano partirà il prossimo novembre con le prime assunzioni previste a inizio 2021. La maggior parte dei neoassunti sarà destinato al rafforzamento della rete commerciale.

No comment sull’ipotesi di un bond subordinato – “Al momento siamo in costante consultazione con la Banca centrale europea e non possiamo rivelare nulla di quello che viene discusso con la Bce”. Così l’ad di Mps, Guido Bastianini, ha replicato a un analista che chiedeva indicazioni sui tempi di emissione di un bond subordinato. La sottoscrizione di questo bond è una delle modalità che potrebbe assumere il nuovo intervento dello Stato a sostegno della banca.

Richieste di risarcimenti “monstre” – Lo scorso 31 luglio sono arrivate alla banca “ulteriori richieste stragiudiziali per 3,8 miliardi di euro da parte della Fondazione Mps”, un tempo socio di maggioranza della banca. Il totale delle richieste danni, giudiziali e stragiudiziali nei confronti di Mps, ammonta così adesso a 10 miliardi di euro. “Rispetto a tali iniziative – spiega una nota di Mps – la banca esprime opinioni critiche rispetto alle tesi sostenute. Gli argomenti a supporto di tale interpretazione verranno sviluppati compiutamente nella risposta che sarà inviata alla Fmps. La Banca si riserva ogni azione a tutela del proprio patrimonio”.

In perdita anche Unicredit – Unicredit archivia il primo semestre con una perdita di 2,28 miliardi. Il secondo trimestre si chiude invece in utile di 420 milioni in calo del 77% ma sopra le attese degli analisti. “Abbiamo visto i primi segnali di ripresa commerciale alla fine del secondo trimestre, quando le economie hanno iniziato a riaprire nella maggior parte dei mercati”, ha affermato l’amministratore delegato Jean Pierre Mustier. Il numero uno di Unicredit ribadisce di non avere in programma operazioni di fusione o acquisizione e sulla recente acquisizione di Ubi da parte della concorrente Intesa Sanpaolo spende parole caustiche: “L’Italia ha bisogno di avere banche forti. L’Antitrust ha chiesto il nostro parere e noi abbiamo detto che forse sarebbe stato meglio avere tre banche forti piuttosto che due“. Infine sullo stop ai dividendi per tutto il 2021 deciso dalla Banca centrale europea, Mustier ha spiegato che il gruppo rispetterà le raccomandazioni della Bce non pagherà dividendi, né effettuerà riacquisti di azioni nel corso del 2020 ma dal 2021 riprenderà la distribuzione ai soci del capitale in eccesso rispetto alle necessità della banca.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

Lockdown e il gioco Animal Crossing fanno decollare i profitti di Nintendo

next

Football news:

Tonali passa male, fa schifo in difesa e perde la concorrenza a Milano, e Pirlo lo chiama perfezione e mette sopra di sé
Edouard Mehndi: sono il primo portiere africano del Chelsea. Questa è una grande responsabilità
Marcelo a causa del disagio alla schiena non giocherà con Betis
Vogliamo migliorare lo shopping sportivo. Entra a far parte del nostro focus group per la ricerca!
Claudio Bravo: in barca e Man City, il portiere deve essere il difensore centrale
Barse è stato offerto da Cavani e Dzeko. Il club li ha abbandonati
West Ham ha offerto 23 + 10 milioni di sterline per il difensore Fofan. St. Etienne ha negato