Tre proiettili indirizzati al vice presidente del Consiglio Regionale della Campania, Valeria Ciarambino, storica esponente del Movimento 5 Stelle nel territorio. Srcondo quanto apprende l'agenzia Agi, i primi due proiettili chiusi in una busta sono stati intercettati durante il controllo al centro di smistamento postale di Napoli lunedì 14 giugno.

La busta, con la scritta in stampatello "al Ministro Valeria Ciarambino" e con l'indirizzo di destinazione "Palazzo Santa Lucia", conteneva  due proiettili calibro 9. La seconda busta, invece, intercettata ieri sempre durante il controllo al centro di smistamento, con la stessa calligrafia e lo stesso indirizzo di destinazione della prima, oltre a un terzo proiettile calibro 9, conteneva anche un biglietto con una scritta intimidatoria "stai zitta, non parlare troppo".
Ciarambino è stata informata dagli agenti della Digos delle due buste con i proiettili a lei indirizzati ed è stata ascoltata in Questura ieri pomeriggio, dove ha sporto denuncia contro ignoti. Indagini in corso.

"La mia piena solidarieta' alla vicepresidente del Consiglio regionale della Campania Valeria Ciarambino per le ignobili e vigliacche intimidazioni ricevute". Lo afferma in una nota il presidente della Camera, Roberto Fico. "Ci stringiamo attorno a Veleria Ciarambino, portavoce del Movimento 5 stelle in Campania, destinataria di due buste contenenti tre proiettili calibro 9 e l'invito a 'non parlare troppo'", dicono i 5 stelle in commissione Giustizia alla Camera.