Italy

Nasa, SpaceX porterà la prima donna sulla luna. Elon Musk batte Jeff Bezos

La sfida spaziale

di Giuliana Ferraino

La Nasa ha scelto SpaceX per riportare, forse già nel 2024, gli americani sulla luna, preferendo la società di Elon Musk a Blue Origin, il gruppo spaziale concorrente creato da Jeff Bezos. E almeno uno degli astronauti, che torneranno a passeggiare sulla superficie lunare dopo mezzo secolo, sarà una donna, la prima della storia. Un altro obiettivo dell’agenzia spaziale americana è di portare sulla luna anche il primo uomo di colore.

La commessa, annunciata venerdì, vale 2,9 miliardi di dollari e segna una rottura con il passato, visto che è stata scelta un’unica azienda (SpaceX) invece di un consorzio — una tutela nel caso del fallimento di una delle imprese — per costruire la nuova navicella spaziale per l’allunaggio. Sembra per vincoli di bilancio, che hanno già costretto la Nasa ad affidarsi ai privati per tagliare i costi delle missioni spaziali. L’anno scorso, SpaceX è diventata così la prima azienda privata a inviare con successo un equipaggio alla Stazione spaziale internazionale, permettendo all’America di compiere l’impresa per la prima volta dalla fine del programma «Shuttle».

Accanto a Musk, con SpaceX, valutata quasi 100 miliardi di dollari nell’ultimo round di raccolta di fondi, e Bezos con la sua Blue Origin, la terza azienda in gara era Dynetics, società della difesa del gruppo Leidos Holdings.

SpaceX ha già presentato il suo veicolo spaziale riutilizzabile «Starship», progettato per trasportare equipaggi e carichi per lunghi viaggi nello spazio e che può atterrare in posizione verticale. Prototipi del razzo sono attualmente in fase di test in Texas, ma tutti e quattro i voli tentati finora sono finiti male con esplosioni.

Il «lander» commerciale per lo sbarco sulla luna fa parte del programma Artemis. Il progetto prevede che gli astronauti voleranno verso la luna sulla capsula Orion, lanciata dalla Nasa con un razzo di sua proprietà, prodotto dalla Boeing. Solo a quel punto si trasferiranno sulla Starship di Musk, in orbita lunare, per il viaggio fino alla superficie della luna e il ritorno. Insomma Musk dovrà costruire il «taxi» da Orion alla luna e ritorno.

A differenza degli atterraggi lunari dell’Apollo dal 1969 al 1972 — il 20 luglio ‘69 Neil Armstrong, capitano dell’Apollo 11, divenne il primo essere umano a camminare sulla luna, Eugene Cernan durante la missione dell’Apollo 17 fu l’ultimo il 14 dicembre 1972 — la Nasa si sta preparando per una presenza a lungo termine sulla luna, che immagina come un primo passo per un piano ancora più ambizioso che punta su Marte.

«Dovremmo realizzare il prossimo atterraggio il più presto possibile», ha affermato in una conferenza stampa in streaming da Cape Canaveral, Steve Jurczyk, amministratore ad interim della Nasa. «Questo è un momento incredibile per essere coinvolti nell’esplorazione umana, per tutta l’umanità».

Lo scorso dicembre la Nasa ha designato 18 astronauti per la possibile partecipazione alle missioni pianificate dall’agenzia per tornare sulla superficie lunare, con una data obiettivo nel 2024. Il calendario finale per il programma Artemis dipende dagli appaltatori che sviluppano e testano l’attrezzatura e assicurano il finanziamento del programma. «Se centreranno gli obiettivi previsti, potremmo avere una chance per il 2024», ha aggiunto Jurczyk .

Vista da un’altra prospettiva, nella sfida lunare è stata una gara tra imprenditori miliardari: il terzo uomo più ricco del mondo (con un patrimonio stimato da Forbes in 179,7 miliardi di dollari, grazie alla sua quota del 22% nella casa costruttrice di auto elettriche Tesla) ha sconfitto l’uomo più ricco del pianeta (con un patrimonio di 197,8 miliardi, accumulato con Amazon) .

Per Musk è un altro sogno «intermedio» che si sta per avverare. Se Tesla è diventata la casa automobilistica più preziosa del mondo, con una capitalizzazione di mercato di 702 miliardi di dollari, superando di gran lunga i giganti dell’industria automobilistica, raggiungere Marte è il fine ultimo di questo imprenditore visionario ed eccentrico, che accanto ad auto elettriche e razzi spaziali, si dedica anche a concepire impianti neuronali per potenziare le capacità della mente umana o a tunnel per rivoluzionare il trasporto. Musk immagina la conquista di Marte da quando era bambino in Sudafrica.

Football news:

Griezmann ha parlato con Hamilton e ha visitato i box Mercedes al Gran Premio di Spagna
Barcellona sente che Neymar l'ha usata. Ha detto che voleva tornare, ma ha esteso il contratto con il PSG (RAC1)
Obameyang-i fan Dell'Arsenal: volevano regalarti qualcosa di buono. Mi dispiace che non siamo riusciti
L'Atlético non ha perso al Camp Nou. L'infortunio di Busquets è un evento di svolta della partita (e una gara di campionato?)
Verratti ha danneggiato i legamenti del ginocchio durante L'allenamento del PSG. La partecipazione All'Euro è ancora in discussione
Il Contratto di Neymar in una foto. Mbappe vuole lo stesso
Il Manchester United vorrebbe firmare L'estate di Bellingham, non Sancho. Il Borussia Dortmund non ha intenzione di vendere Jude