Italy

‘Ndrangheta, resta in carcere il medico. Ai domiciliari presidente banca e divieto di dimora per imprenditore

Mafie

‘Ndrangheta, resta in carcere il medico. Ai domiciliari presidente banca e divieto di dimora per imprenditore

Lo ha deciso il giudice per le indagini preliminari di Catanzaro Giulio De Gregorio dopo gli interrogatori di garanzia dei tre arrestati il 15 gennaio scorso nell’operazione Thomas coordinata dalla Dda di Catanzaro e condotta dalla Guardia di finanza di Crotone

Resta in carcere il cardiologo Alfonso Sestito mentre va ai domiciliari l’ex presidente della Banca di credito cooperativo del Crotonese Ottavio Rizzuto e viene scarcerato l’imprenditore Rosario Lerose ma con il divieto di dimora in Calabria. Lo ha deciso il giudice per le indagini preliminari di Catanzaro Giulio De Gregorio dopo gli interrogatori di garanzia dei tre arrestati il 15 gennaio scorso nell’operazione Thomas coordinata dalla Dda di Catanzaro e condotta dalla Guardia di finanza di Crotone.

Sestito è accusato di associazione mafiosa per aver finanziato alcuni affari della cosca Grande Aracri di Cutro nel settore immobiliare. Rizzuto, insieme a Lerose, è indagato per concorso esterno ed in particolare di avere favorito i Grande Aracri nel corso del suo mandato di dirigente dell’ufficio tecnico del Comune, quando ha assegnato una serie di lavori all’impresa Idroimpianti di Lerose ritenuta contigua al clan. Rizzuto ha ottenuto i domiciliari alla luce del fatto che ha avuto una condotta processuale collaborativa e – si legge nella nuova ordinanza – “ha fornito, nel corso dell’interrogatorio, molti elementi che dovranno essere adeguatamente provati e riscontrati“, ma che hanno, comunque, condotto “ad una nuova valutazione in termini positivi delle esigenze cautelari”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Foggia, 10 interdittive antimafia: colpite ditte del settore ittico e delle scommesse. Il prefetto Grassi: “Dobbiamo prosciugare la zona grigia”

next
meteo