Quando la tenacia e la creatività si fondono al buon cuore, i frutti risultano sorprendenti. Lo dimostrano Sara Miao e Mirco Ou dello shopping Casa di Bellizzi  che, per offrire il loro supporto alla comunità della cittadina del salernitano che li ha "adottati", da metà marzo, hanno iniziato a realizzare e distribuire gratuitamente delle mascherine protettive, in piena emergenza Covid-19. Nelle buche delle posta, sulle panchine e, infine, direttamente nell'ufficio del sindaco Mimmo Volpe, dove, in quel caso, hanno recapitato 1000 mascherine da parte della Chiesa Evangelica di Pompei della Comunità Cinese, i due giovani hanno provato a dare una mano ai cittadini oltre che al personale degli ambulatori medici, agli anziani e tutti i cittadini costretti in quarantena con i propri familiari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.

Attendi solo un istante

, dopo che avrai attivato javascript

...
Forse potrebbe interessarti

, dopo che avrai attivato javascript

...

Devi attivare javascript per riprodurre il video.

Il plauso

Un fiume di messaggi di ringraziamento, per Sara e Mirco: "Abbiamo sempre criticato i negozi cinesi, poiché ritenuti a torto secondo me, di togliere lavoro a noi italiani. - si legge su uno dei commenti sui social. Ma in questo periodo di emergenza Coronavirus, chi ti ritovi ad aiutarti? Esattamente loro, Sara Miao e Mirko Ou, che con uno slancio di generosità ed altruismo hanno messo a disposizione le mascherine per chi non le avesse. Grazie a nome di tutti, siete eccezionali". Un plauso ai lodevoli "cinesi-bellizzesi" (vedi foto in basso ndr).

In Evidenza