Italy

Nilde Iotti, cento anni fa nasceva la prima donna alla presidenza della Camera. Mattarella: “Made della Repubblica”

Partecipò giovanissima alla Resistenza e fu una delle 21 donne elette nell’Assemblea costituente, una delle cinque nella Commissione dei Settantacinque. Il Capo dello Stato in una nota ricorda: "La sua forte passione politica non ha oscurato in lei la coscienza del bene comune, la piena responsabilità nazionale delle istituzioni democratiche, l’orizzonte europeo"

Cento anni fa nasceva Nilde Iotti, la prima donna in Italia a ricoprire una delle tre massime cariche dello Stato, la presidenza della Camera dei deputati. Il Capo dello Stato Sergio Mattarella in una nota l’ha definita “una delle madri della Repubblica” ricordandola come una personalità “tra le più autorevoli e rappresentative” della nostra del nostro Paese. La sua storia politica si intrecciò con la lotta per i diritti delle donne: “L’emancipazione e la liberazione femminile hanno segnato la seconda metà del secolo scorso e contribuito in modo decisivo allo sviluppo della nostra società: Nilde Iotti ne divenne anche un simbolo“.

“Il suo percorso civile e politico reca impressi i caratteri di quella straordinaria crescita democratica, che ha consentito al nostro popolo di liberarsi dal fascismo, di dotarsi di una Costituzione rispettosa degli originari e inviolabili diritti della persona, di progredire nel benessere economico e nella solidarietà sociale”. Partecipò giovanissima alla Resistenza e fu una delle 21 donne elette nell’Assemblea costituente, una delle cinque chiamate nella Commissione dei Settantacinque. “A pieno titolo la consideriamo una delle madri della Repubblica, anche perché spese tutta la vita nelle istituzioni per dare piena attuazione ai principi costituzionali e consolidare così legami tra democrazia e società – aggiunge Mattarella – Emblematicamente la sua storia personale è intrecciata con quella del movimento per i diritti della donna”. Prima donna Presidente della Camera, incarico che svolse per quasi tredici anni “con rigore, con imparzialità, con un forte senso delle istituzioni: questi grandi meriti sono stati da ogni parte riconosciuti e apprezzati. La sua forte passione politica, a cui mai ha rinunciato nella vita del suo partito e nel dibattito pubblico, non ha oscurato in lei la coscienza del bene comune, la piena responsabilità nazionale delle istituzioni democratiche, l’orizzonte europeo che sempre più si mostrava come un cruciale traguardo storico”.

“Ricordarla oggi significa tenere viva la memoria delle lotte delle donne italiane per la loro emancipazione”, ha detto laPresidente del Senato Elisabetta Casellati, ricordando le tante battaglie di cui si rese protagonista. “Fondamentale fu il suo contributo per l’approvazione di leggi: dal riconoscimento del lavoro delle contadine alla riforma del diritto di famiglia“.

Anche Laura Boldrini, che ha ricoperto il suo stesso incarico, ha ricordato il centenario della nascita: “Partigiana, madre costituente e dirigente politica impegnata su molti fronti, Nilde Iotti ha dato anche una spinta decisiva alla battaglia per l’emancipazione delle donne, per sottrarle ai vecchi vincoli sociali, all’arretratezza del pregiudizio, alle inaccettabili incrostazioni culturali di un apparato ideologico discriminatorio e sessista”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

Eurogruppo, la maggioranza soddisfatta dell’accordo. Crimi: “Non è stato attivato il Mes”. Attacchi da Lega e FdI: “Una Caporetto”

next

Football news:

Madness a Francoforte: Eintracht 34 volte ha colpito il cancello, ma quasi perso (salvato 9 minuti prima del fischio)
Il Real Madrid ha esteso il contratto con Casemiro fino al 2023 (Marca)
Teddy Sheringham: Pogba ha bisogno di andarsene per il Manchester United per comprare qualcuno con la mentalità giusta
In Francia, 400 tifosi sono venuti a calcio illegale. Dopo il gol, hanno corso sul campo
Sulscher sul noleggio di Igalo: spero che possa completare quello che ha iniziato, forse vincendo il trofeo con il Manchester United
Mueller su Alfonso Davis: il corridore di Monaco ruba costantemente la palla all'avversario
Favre su 0:1 con il Bayern: il Borussia meritava un pareggio