This article was added by the user Anna. TheWorldNews is not responsible for the content of the platform.

Oltre mezzo milione da multe: «Così possiamo fare gli asfalti»

Il Comune mette a bilancio le riscossioni dai verbali con e senza autovelox. «L’impianto ha azzerato le vittime e ci aiuta a sistemare le strade»

PEGOGNAGA. Croce e delizia degli autovelox: colpiscono le tasche del singolo, ma fanno il bene della comunità. Il primo importante risultato è che con i limitatori della velocità si contribuisce notevolmente a diminuire incidenti e vittime. E poi, grazie ai sostanziosi introiti dalle multe e alla convenzione con la Provincia di Mantova, il Comune di Pegognaga, che ha due impianti fissi sulla sp 49 da e per Suzzara (tarati ai 70), da anni, con le riscossioni dei verbali riesce ad asfaltare numerosi tratti di asfalto, chiudere buche e realizzare altre opere di sicurezza stradale. I prossimi intervento, probabilmente nel 2022, saranno il semaforo a chiamata davanti alla chiesa di Galvagnina, punto molto pericoloso sulla trafficata sp 48 e l’asfaltatura del tratto dalla A22 al centro abitato.

Il consuntivo delle entrate dalle multe viene compiuto ogni tre mesi, con un’apposita determina, in modo che, tirate le somme, si possa mettere a bilancio gli interventi da realizzare.

Negli ultimi nove mesi, da inizio anno a settembre, Pegognaga ha accertato multe per 566mila euro (all’inizio dell’anno, con il lockdown la circolazione si era ridotta, altrimenti i numeri sono ancora più alti): 412mila con autovelox (che rappresenta l’80 per cento dei verbali) e 154mila extraautovelox (telelaser della polizia locale nelle vie interne, divieti di sosta e pattugliamenti); ma il riscosso è poco più della metà, 334mila euro, perché ci sono altissime spese di notifica, 70mila euro e la quota del 50 per cento da cedere alla Provincia che, come si diceva, li reinvestirà in opere pubbliche sul territorio pegognaghese.

Negli ultimi tre mesi, luglio, agosto, settembre, con il lockdown alle spalle e il traffico tornato normale, le multe accertate sono pari a 190mila euro con autovelox e circa 50mila extraautovelox; riscossi, rispettivamente 135mila e 17mila, ovvero 152mila euro.

«Capisco che possano sembrare cifre importanti - premette il comandante della polizia locale Luca Goldoni - ma la prima cosa da sottolineare è che dal 2013, anno in cui abbiamo installato il primo autovelox e ancor più dal 2016 quando abbiamo posizionato il secondo nella direzione opposta, non abbiamo più avuto incidenti gravi e non ci sono più state vittime nel tratto che porta all’incrocio di Polesine sulla sp 49. E si tenga presente che lungo quel tratto vengono calcolati (lo stesso velox li conteggia) 10mila veicoli al giorno in direzione A22-Suzzara e 5500 in direzione Pegognaga».

«Poi - prosegue il responsabile dell’ufficio - ci sono i lavori che si possono fare: tutti gli anni solo con i proventi delle sanzioni da autovelox riasfaltiamo svariati tratti di strada. Con le sanzioni di quest’anno abbiamo intenzione di rendere più sicuro l’attraversamento pedonale davanti alla chiesa di Galvagnina e di asfaltare il tratto di provinciale che va dalla rotonda della A22 al centro abitato».

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito