This article was added by the user . TheWorldNews is not responsible for the content of the platform.

Omicron minaccia l'economia Usa, rallenta l'occupazione

Rapporto sull'occupazione: "Solo 210.000 posti di lavoro a novembre"

Il presidente Biden: "La ripresa del mercato del lavoro è forte". Il segretario del tesoro: "Evitato uno shutdown in extremis, ma sul debito il Congresso non ha ancora agito"

03 dicembre 2021

Il mercato del lavoro americano rallenta, mentre la variante Omicron preoccupa, ma secondo Joe Biden "la ripresa del mercato del lavoro è forte: l'America è tornata a lavorare". Il presidente Usa ha rivendicato la creazione di 6 milioni di posto di lavoro, da quando è iniziata la sua amministrazione. "Il tasso di disoccupazione è calato in modo significativo, scendendo da 0,4 punti percentuali al 4,2%" ha commentato durante una conferenza stampa alla Casa Bianca.

      Pessimismo a Wall Street


L'ottimismo di Biden non trova, però, riscontro a Wall Street, il tempio della finanza americana. Dopo un avvio in rialzo i listini hanno girato in calo con perdite intorno al 2% per il Nasdaq ed oltre l'1% per lo S&P 500. 

Occhi puntati degli investitori


Gli investitori stanno osservando i dati sul mercato del lavoro americano, cercando di capire come influenzeranno la Fed - La Banca centrale degli Stati Uniti - e le sue prossime mosse: Il presidente della banca centrale, Jerome Powell, ha ventilato nei giorni scorsi, davanti al Congresso, la possibilità di un rialzo dei tassi di interesse prima delle attese. 

Segretario del tesoro: "Preoccupazione per Omicron"


"Confermando la fragilità della ripresa - sulla quale Omicron non ha ancora fatto sentire i suoi effetti - la frenata del mercato del lavoro potrebbe spingere la Fed ad accantonare il suo piano e a procedere con maggiore cautela" - Così il segretario del tesoro Usa, Janet Yellen - "E questo anche perché sull'economia si sta di nuovo addensando anche la nuvola del tetto del debito".    

Biden: "Le misure messe in campo sono sufficienti"


Joe Biden si è difeso dalle critiche di aver lanciato, ieri, un piano troppo debole per contrastare la pandemia durante l'inverno. In conferenza stampa - incalzato dai reporter - il presidente ha risposto che "le misure messe in campo sono sufficienti, comprese le restrizioni sui viaggi dall'estero: che prevedono un test negativo nelle 24 ore prima della partenza". Biden ha aggiunto che "continuerà ad affidarsi agli scienziati per valutare se è necessario cambiare le misure sui viaggi".

Il presidente ha quindi rassicurato sul suo stato di salute: "Ho solo un raffreddore, faccio il test per il Covid tutti i giorni". E ha esortato gli americani a vaccinarsi e a stare tranquilli in vista delle feste di fine anno: "Gli scaffali di supermercati e negozi saranno ben riforniti e le misure prese contro il caro-prezzi stanno funzionando"

Jellen: "Shutdown evitato in extremis"


"Il Congresso - ha detto la Jellen - ha evitato uno shutdown in extremis ma sul debito non ha ancora agito: se non lo alzerà entro il 15 Dicembre gli Stati Uniti potrebbero andare in "default" e scivolare - ha avvertito il segretario del tesoro - in una profonda recessione trascinandosi dietro l'intero mondo. Una ipotesi però che né la Fed né il Tesoro vogliono considerare ma che non possono scartare.