Italy

Open Arms, domani il voto in Giunta per le autorizzazioni a procedere. D’Incà: “M5S voterà perché Salvini venga processato”

L'ex ministro dell'Interno è accusato di plurimo sequestro di persona per aver trattenuto 146 migranti a bordo della nave, al largo di Lampedusa, nell'agosto 2019. "Sono tranquillo, rifarei tutto", ha commentato alla vigilia del voto

Alla vigilia del voto in Giunta per le autorizzazioni a procedere nei confronti di Matteo Salvini sul caso Open Arms, il ministro per i Rapporti con il Parlamento Federico D’Incà ha annunciato che domani il Movimento 5 Stelle voterà affinché l’ex Ministro dell’Interno “possa essere processato come un normale cittadino”. Lo ha detto a Stasera Italia, su Rete 4. “Noi come M5S continueremo come abbiamo fatto, come nel caso Gregoretti: pensiamo che il confronto per Salvini deve essere davanti alla magistratura“.

In serata, il leader leghista si è detto tranquillo: “Pd e 5Stelle vogliono mandarmi a processo per aver bloccato uno sbarco l’anno scorso? A differenza di altri, io non cambio idea: fermare gli sbarchi di clandestini, combattere gli scafisti, difendere la sicurezza, l’onore e la dignità dell’Italia non è un reato, ma un dovere”.

Matteo Salvini è accusato di plurimo sequestro di persona e rifiuto di atti d’ufficio per aver trattenuto a bordo della nave Open Arms – al largo di Lampedusa – 164 migranti poi fatti scendere su ordine del procuratore di Agrigento, dopo venti giorni. I fatti risalgono all’agosto 2019. L’inchiesta era stata aperta dalla Procura di Agrigento guidata da Luigi Patronaggio e poi passata per competenza a Palermo. Per i giudici il decreto sicurezza bis “non può essere applicato a navi che soccorrono naufraghi” perché “il soccorso in mare è obbligatorio“. Ma Salvini ribadisce: “Ho difeso la legge, la sovranità, la sicurezza, l’onore e la dignità italiane, con l’accordo dell’intero governo. Sono tranquillo e rifarei tutto, non per interesse personale ma per tutelare il mio Paese”.

Sul voto di domani è intervenuto anche Maurizio Gasparri, presidente della Giunta per le Elezioni e le immunità: “Non è ancora facile prevedere l’esito – ha detto il senatore di Forza Italia al termine della riunione di oggi – ci sono stati interventi che hanno confermato sostanzialmente le posizioni della vigilia”. Almeno sulla carta, 11 senatori sono a favore del rinvio a giudizio, 11 sono contrari, con Michele Giarrusso, ex Cinque Stelle, oggi al Misto, nell’inedito ruolo di ago della bilancia.”Però vedo che c’è una riflessione intorno ai temi della mia relazione. Quindi spero che prevalgano le valutazioni giuridiche e quindi l’accoglimento della mia relazione che dice di respingere la richiesta, e che non prevalgano invece le ragioni di appartenenza”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

Coronavirus, Galli su La7: “Non ci sono evidenze che il virus sia depotenziato. Possiamo solo sperare nello stellone”

next

Football news:

Pioli che Zlatan non ha segnato Parma: era arrabbiato con se stesso. Sul campo, si trasforma in un leone
Man City ha stipulato un contratto con Ferran Torres. Vede il sostituto di Sanyo
Mourinho su Tottenham: combatteremo fino alla fine per entrare in Europa League
Jacko ha segnato 15 gol in Serie A con la testa. Negli ultimi 5 anni, solo Pavoletti e Zapata hanno avuto di più
Sarri su 3:3 con Sassuolo: ci sono stati momenti di passività che sono difficili da spiegare
Arteta su 2:1 con Liverpool: il divario tra le squadre è enorme per oggi
Jürgen Klopp: L'Arsenal non ha avuto momenti reali. Abbiamo giocato brillantemente, ma due episodi hanno ucciso il gioco