Italy

Ponte Morandi, in due anni d’indagini 71 indagati e fascicoli sull’intera rete autostrale. In autunno la perizia sulle cause del crollo

Tra settembre e ottobre verrà consegnata la perizia sulle cause che hanno portato alla tragedia del 14 agosto di due anni fa. Sarà quella la prova che cristallizzerà eventuali responsabilità su cui poi si baserà il futuro processo. La procura di Genova: "Le nostre indagini hanno permesso di mettere in sicurezza l’intera rete autostradale"

Sarà un autunno caldo, e non solo sul fronte dell’emergenza coronavirus. Tra il settembre e l’ottobre prossimo l’inchiesta sul crollo del ponte Morandi arriverà al giro di boa. A due anni dalla tragedia, che alla vigilia del ferragosto 2018 costò la vita a 43 persone, verrà consegnata la perizia sulle cause che hanno portato al collasso del viadotto. Sarà quella la prova che cristallizzerà eventuali responsabilità su cui poi si baserà il futuro processo.

In questi 24 mesi sono stati indagati gli ex vertici di Autostrade per l’Italia, di Spea, la società che faceva le manutenzioni, i funzionari del ministero dei Trasporti e i tecnici. Settantuno indagati, più le due società, accusate a vario titolo di disastro colposo, omicidio colposo plurimo, attentato alla sicurezza del trasporti, falso. Secondo il procuratore aggiunto Paolo D’Ovidio e i sostituti Massimo Terrile e Walter Cotugno la struttura era ammalorata e nella società lo sapevano tanto che nel 2015 era stato approvato un progetto di retrofitting per consolidare le pile 9 (quella crollata) e la 10. Un restyling rinviato per tre anni che è stato ‘anticipato’ dal crollo.

Scavando tra le macerie e la mole di documenti, gli uomini del primo gruppo della guardia di finanza, guidati dal colonnello Ivan Bixio, hanno scoperto che i report sulla sicurezza venivano edulcorati e modificati, i voti sulla reale condizione dei viadotti abbassati per permettere l’ingresso nella holding di nuovi soci (cinesi e tedeschi). La sicurezza, insomma, secondo l’accusa era finita in secondo piano tanto che i costi della manutenzione straordinaria del Morandi erano passati da un milione e 200 mila euro, quando le autostrade erano pubbliche, a 24mila euro.

“Le nostre indagini hanno permesso di mettere in sicurezza l’intera rete autostradale. La cosa più importante e la sicurezza degli utenti affinché non succedano più tragedie come quelle di due anni fa”, spiega la procura di Genova. L’inchiesta, infatti, non si è fermata al crollo del ponte Morandi ma ha portato all’apertura di nuovi fascicoli. Da quella sui falsi report sui viadotti di altre regioni, alle barriere fono assorbenti difettose, fino a quelle sulla pericolosità delle gallerie. Dopo le prime intercettazioni, Aspi ha silurato l’amministratore delegato Giovanni Castellucci e gli altri ex vertici della società ed ha sostituito Spea con società esterne. L’ultimo fronte caldo è quello sulle gallerie dopo il crollo della volta della Bertè sull’ A26 il 30 dicembre 2019 in. Da quel giorno sono partite le ispezioni nei 285 tunnel liguri e lavori urgenti in molte di queste, con disagi continui lungo il nodo autostradale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

All’Anticorruzione servono persone esperte e indipendenti. Il Parlamento ribalti il grave errore del governo – L’APPELLO

next

Football news:

Il Bayern ha vinto 5 trofei in un anno. Per ripetere il record del Barça è necessario prendere un altro
Flick ha preso 5 trofei con il Bayern dopo 40 partite
ALVARO GONZALEZ non è un razzista. Qualsiasi accusa contro di lui è ingiusta e infondata
Sharonov entrerà nella sede del Paphos cipriota. La squadra ha guidato l'Ucraino Mikhailenko
Man City ha offerto a barca di affittare Zinchenko. Gli inglesi vogliono firmare Tagliafico
Holand ha fatto assistenza e ha segnato il Bayern in una partita per la Supercoppa tedesca. Ha 4 punti in 4 partite all'inizio della stagione
Neville sui trasferimenti Manchester United: mostruoso. Devono sulscher difensori e l'attaccante prima della scadenza