This article was added by the user Anna. TheWorldNews is not responsible for the content of the platform.

Portuali di Trieste, si dimette il portavoce Puzzer: è stato contestato dai No Vax per aver annunciato la fine dello sciopero. Ma ora dice: “La protesta continua”

Un comunicato arrivato nella serata di sabato 16 ottobre per annunciare la fine dello sciopero, poi la marcia indietro dicendo che era “una bozza” e che è stata “male interpretata”. Quindi stamattina le dimissioni da portavoce del Coordinamento dei portuali di Trieste. Grande caos sul fronte delle proteste No Green Pass: Stefano Puzzer, leader in pectore dei portuali, ha deciso il passo indietro dopo una notte di liti interne e spaccature. “E’ giusto che io mi assuma le mie responsabilità”, ha scritto su Facebook. “Una di queste, è la decisione di proseguire il presidio fino al 20 di Ottobre. La decisione è soltanto mia, non è stata forzata da nessuno, anzi non volevano accettarle ma io le ho pretese”, conclude.

“Mi sono dimesso sia dal ruolo di vicepresidente sia dal Coordinamento lavoratori portuali Trieste in seguito al caos generato dal comunicato e di ieri sera, perché sono errori che ho commesso io. Non voglio che la responsabilità cada su di loro”, ha detto stamattina parlando al presidio. “Io sciopererò fino al 20 ma tornerò a lavorare solo quando il green pass verrà ritirato. Andrò a portare pizze piuttosto oppure da Samer, dove non serve il green pass”. “Stefano Puzzer non è il dio di nessuno, è uno che parla perché forse sa parlare meglio degli altri, perché è meno timido degli altri, ma questa lotta contro il decreto è di tutti i lavoratori portuali, di tutti i lavoratori italiani”. Subito dopo ha invitato a scandire lo slogan di questa protesta: “La gente come noi non molla mai”, che è stato accompagnato da uno lungo scroscio di applausi.

Dietrofront del Coordinamento dei portuali triestini che, dopo il comunicato diffuso in serata, confermato dalla conferenza stampa tenuta dal leader Puzzer, è tornato sulla propria decisione sostenendo in un breve messaggio sui profili social che “il presidio continua e non si molla”. “Ciao a tutti scusate ma il comunicato uscito a causa di male interpretazioni e stato stracapito – è scritto nel post – Il presidio non si molla assolutamente. La frase la battaglia è vinta si intende per la prima battaglia, è vinta e si continua. La frase con ‘domani chi vuole lavorare può’ significa che come negli altri chi vuole può andare a lavorare. Ed infine “il presidio continua e non si molla”, conclude il messaggio.

Eppure ieri sera, c’era stato un annuncio in senso completamente opposto. Questa prima battaglia “è stata vinta”, da domani i portuali di Trieste tornano al lavoro ma promettono di non fermarsi, era stato il messaggio. Il Coordinamento dei lavoratori portuali in serata ha reso nota la sua decisione. Abbiamo dimostrato, hanno fatto notare, “la forza e la determinazione dei lavoratori portuali e di tutti coloro che li hanno affiancati e sostenuti nella difesa della democrazia e della libertà individuale”. Il presidente dello scalo, Zeno D’Agostino, in serata aveva avvertito: “Questa situazione non si può più tollerare, ho bisogno di un porto che funzioni”. Il riferimento è anche al fatto che dalla manifestazione “è passato di tutto”, “adesso basta con questo circo”, ha detto. Ieri, nel secondo giorno di sit in, a metà pomeriggio, i manifestanti erano oltre 2000 e altri quattro pullman sono arrivati. A differenza di venerdì, più passano le ore e più sostenitori ‘No pass’ si sono aggiunti, sposando la causa dei lavoratori. Sono arrivati anche da altre regioni. Nel parcheggio antistante il varco sono arrivati furgoni e camper, messi a disposizione per chi volesse riposare un po’. Per il resto si sono alternati momenti di cori ‘no Green pass’ e ‘Libertà’ a suono di tamburi. Vicino ai tornelli le casse hanno risuonato hit evergreen e i presenti si sono uniti in coro. Sono arrivati cibo, bevande, birre. E’ arrivato, tra gli altri, anche Enrico Montesano, che ormai ha dichiarato le sue posizioni no vax e no Green pass. “Il Green pass è una cosa inutile, che nulla ha a che vedere con la sanità, ma è una questione politica. Il Green pass è l’inizio di un controllo personale e individuale”, ha detto al megafono.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

Milano, accoltellata in una rissa fuori dalla discoteca Tocqueville: 32enne di Segrate ricoverata in prognosi riservata

next