Italy

Processo Bataclan, Salah Abdeslam in aula arriva a invocare “il dialogo”. Il presidente della corte: “Non è possibile con i kalashnikov”

Mondo

Processo Bataclan, Salah Abdeslam in aula arriva a invocare “il dialogo”. Il presidente della corte: “Non è possibile con i kalashnikov”

"Ci si può fare la guerra, uccidersi, detestarsi, ma la porta del dialogo deve sempre rimanere aperta", sono state le parole pronunciate dal terrorista che non rinnega la sua partecipazione agli attentati del 13 novembre 2015 perché quel giorno "erano inevitabili". Dichiarazioni che hanno provocato risa nervose e imbarazzate all'interno dell'aula che ospita il maxiprocesso agli autori della strage

Sono ancora le dichiarazioni dell’unico dei dieci terroristi sopravvissuto agli attentati di Parigi del 13 novembre 2015 a caratterizzare la nuova udienza del processo agli autori delle stragi allo Stade de France, al Bataclan e davanti ai bistrot parigini. Salah Abdeslam ha nuovamente preso la parola in aula e rivolgendosi ai presenti, a commento di uno dei video dell’attentato, è arrivato a fare appello al “dialogo” davanti alle immagini dei suoi compagni in armi tra le fila dello Stato Islamico, tra cui suo fratello Brahimi, che aprivano il fuoco contro gli avventori del caffé La Belle Equipe, uccidendo 21 persone.

Parole che hanno generato risate nervose e imbarazzate in aula perché pronunciate da un terrorista appartenente a un’organizzazione che non ha mai considerato, tantomeno adesso, il dialogo una strada praticabile. Queste immagini “prese fuori contesto, sarei il primo a condannarle, ma se le contestualizziamo, non posso condannarle”, ha detto Abdeslam di fronte ai giudici introducendo così la tesi esposta già qualche giorno fa, quando ha dichiarato che gli attentati sono stati una risposta all’intervento della Francia contro lo Stato Islamico in Iraq. Una risposta contro i civili a quella che lui e il suo gruppo terroristico consideravano un’aggressione, quindi.

E ha poi aggiunto: “Ci si può fare la guerra, uccidersi, detestarsi, ma la porta del dialogo deve sempre rimanere aperta“. Parole così distanti dal modus operandi dei miliziani dell’Isis da provocare la risposta del presidente della corte, Jean-Louis Périès: “Sparare col kalashnikov sui civili sulla terrazza di un ristorante, non è così che si dialoga”, ha detto rivolgendosi all’imputato. Che però ha deciso di replicare sostenendo che il “13 novembre era inevitabile”, ma che il “dialogo” potrebbe servire ad evitare altri attacchi terroristici. Il membro delle Bandiere Nere ha poi concluso ricordando che i terroristi del commando che causò 130 morti a Parigi erano suoi “fratelli”. “Lo avevamo capito”, ha commentato il presidente della Corte.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

Accordo Aukus, la Francia va allo scontro con Usa, Uk e Australia. Von der Leyen difende Parigi: “Trattamento inaccettabile”

next
meteo

Football news:

Conte è pronto a guidare il Manchester United, ma vuole un contratto di tre anni
Mike Richards: al Manchester United, tutti vogliono essere la stella principale, non correre e prendere la palla. Questa non è una squadra
Modric su 400 giochi per il Real Madrid: tutto è perfetto fin dall'inizio. Ha realizzato il suo sogno di giocare qui
Neville sul Сульшере: Non pensavo che i tifosi del Manchester United si allontanano da me a causa del sostegno a chi ha vinto per noi la Champions League
Sulscher dopo 0-5 dal Liverpool ha detto ai giocatori che dovevano combattere e li ha chiamati per l'unità
Wanda Nara è tornata da Icardi dopo aver accettato il divorzio
Uli Heness: Luca Hernandez deve andare in prigione a causa di qualcosa che è successo anni fa. E ' una stronzata, sua moglie