This article was added by the user . TheWorldNews is not responsible for the content of the platform.

**Quirinale: la corsa al Colle, dall’intesa su De Nicola alla rottura del Patto del Nazareno** (12)

default featured image 3 1200x900 768x576

(Adnkronos) – Se una forza politica intende far eleggere un proprio esponente non può elaborare una sua proposta e poi chiedere agli altri partiti di aderire , deve prima creare le condizioni per una scelta condivisa.

Segretario della Dc da due anni, memore del fallimento delle candidature di Fanfani e Moro nel 1971, Ciriaco De Mita nella primavera del 1985 ritiene che questo sia il metodo da seguire per riportare un democristiano al Quirinale mentre il socialista Craxi siede a palazzo Chigi, senza passare per estenuanti maratone come accaduto nelle ultime tre votazioni.

Occorre quindi coinvolgere anche il Pci, pronto a cogliere il segnale dopo la sconfitta subita qualche settimana prima nel referendum sulla scala mobile. Ad emergere è la candidatura di Francesco Cossiga, in quel momento presidente del Senato, che, vinte le ritrosie dei partiti laici, viene eletto il 24 giugno al primo scrutinio, evento mai accaduto (se si eccettua il voto per De Nicola): 752 voti su 1011 componenti, 979 presenti e 977 votanti, con 141 schede bianche, 7 nulle e 11 voti dispersi.

Leggi anche