Italy

Ragusa, pubblicità sessista per uno scooter: scattano le polemiche

Leggi anche

Jessica Mantovani

Cronaca

La scorsa estate fu trovato nella centrale idroelettrica in provincia di Brescia anche il cadavere di Jessica Mantovani

I Carabinieri

Cronaca

Giallo a Firenze: una donna tunisina di 51 anni è stata trovata morta in un albergo in pieno centro .

morto soffocato da un boccone

Cronaca

In provincia di Pistoia, un uomo è morto soffocato a causa di un boccone andatogli di traverso: è deceduto dopo tre giorni di coma.

coronavirus genova

Cronaca

Un caso sospetto di coronavirus a Genova: un ragazzo di 20 anni è stato ricoverato all’ospedale San Martino dopo essere tornato dalla Cina.

Proteste, quelle conseguenti alla diffusione di cartelloni pubblicitari ritenuti sessisti, che hanno richiesto l'intervento del sindaco Peppe Cassì.

pubblicità sessista a Ragusa

Polemiche social in seguito alla comparsa a Ragusa di cartelloni pubblicitari sessisti per promuovere uno scooter elettrico. Le proteste sono risultate talmente insistenti che è stato necessario l’intervento del sindaco.

Polemiche per la pubblicità sessista

Vienimi dietro, sono elettrica”, è questa la scritta che si vede sui cartelloni accanto ad una ragazza seminuda di spalle sui cartelloni pubblicitari apparsi in tutta la città di Ragusa. Una trovata pubblicitaria che, però, non è piaciuta a molto, tanto da assistere ad una vera e propri protesta social, con tanto di hashtag “boicottiamolo”. Alcuni utenti, infatti, hanno scritto: “Una pubblicità del genere è un’offesa per tutti, donne e uomini! Non avete altri argomenti se non cadere nella volgarità dei doppi sensi e delle allusioni?”. Ma anche: “Gli pseudo pubblicitari che hanno in modo tanto originale creato quest’ennesima vergogna al senso di rispetto verso tutte le donne del pianeta, dovrebbero farla visionare prima alle loro figlie, mogli, madri”.

Proteste, quelle conseguenti alla diffusione dei cartelloni pubblicitari ritenuti sessisti, che hanno richiesto l’intervento del sindaco, Peppe Cassì, che ha diffidato l’azienda committente.

Come sottolineato dallo stesso primo cittadino su Facebook, infatti: “In merito alla vicenda del manifesto pubblicitario di cattivo gusto esposto in città, vi informo che abbiamo già inviato una segnalazione all’Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria affinché adotti tutti i provvedimenti di propria competenza. L’Istituto ha infatti sottoscritto un Codice di autodisciplina che consente di bloccare e far ritirare le campagne sessiste o offensive a un apposito organo giudicante, il Giurì della pubblicità”. Per poi aggiungere: “Al tempo stesso stiamo procedendo con una diffida per l’agenzia pubblicitaria.Essendo però convinto che l’obiettivo di chi ha predisposto il manifesto fosse proprio quella di creare clamore, eviterò di pubblicarlo e ogni ulteriore commento”.