SAN SEBASTIAN – Cinico e compatto, il Napoli sbanca San Sebastian e si rilancia nel gruppo F di Europa League. A stendere la Real Sociedad è un gol di Politano nella ripresa, grazie anche alla deviazione di Sagnan, oltre a una strepitosa parata di Ospina su Portu. Gli azzurri non brillano in avanti, ma mostrano solidità in fase difensiva e concedono davvero poco alla capolista della Liga: nonostante la supremazia territoriale dei baschi, che chiudono con il 65% del possesso palla, David Silva e compagni si rivelano sterili nell’area avversaria. A macchiare il prezioso successo sono l’infortunio di Insigne e il severo rosso in pieno recupero a Osimhen, ingenuo sul primo giallo rimediato per proteste.

Petagna al centro dell’attacco

Gattuso ricorre a un massiccio turnover e cambia la formazione per sette undicesimi rispetto al derby con il Benevento, deciso da Petagna che non a caso ottiene una maglia da titolare. Il Napoli parte bene e ha due ottime occasioni per sbloccare il risultato. All’8’ Insigne intercetta un rinvio sbagliato di Remiro, entra in area dopo un tunnel ai danni di Le Normand e manca la porta di poco. Quattro minuti più tardi Petagna serve Mario Rui con un filtrante perfetto, ma il tocco sotto del portoghese termina sul fondo non di molto.

Cresce la Real Sociedad

Con il passare dei minuti, però, i partenopei perdono le giuste misure a centrocampo e Gattuso si vede anche costretto a rinunciare a Insigne, fuori alla metà del primo tempo per un problema muscolare. La Real Sociedad, pur avendo costantemente in mano le redini del gioco, non va oltre un colpo di testa di Merino che non inquadra lo specchio. Nella ripresa il copione non cambia, ma al 55’ Politano – aiutato da una deviazione di Sagnan – trova il guizzo che permette al Napoli di rompere l’equilibrio.

<<La cronaca della gara>>

Ci pensano Politano e Ospina

La Real Sociedad non ci sta e attacca a testa bassa, senza scalfire il muro partenopeo che regge bene sotto la sicura guida di Koulibaly. Soltanto al 66’ serve un volo provvidenziale di Ospina su Portu per mantenere inviolata la porta, per il resto gli azzurri difendono con assoluta concentrazione. Nel finale, a causa del doppio tocco di Mario Rui sulla battuta di una punizione, viene annullato il raddoppio a Osimhen che poi lascia i suoi in dieci uomini negli ultimi due minuti di recupero. Troppo tardi per rianimare la squadra di Alguacil. Per il Napoli il ko con l’Az Alkmaar è alle spalle e la classifica del girone, nonostante il secondo successo degli olandesi, ha già un altro aspetto.

Real Sociedad-Napoli 0-1 (0-0)
Real Sociedad (4-3-3): Remiro; Gorosabel (34′ st Barrenetxea), Sagnan, Le Normand, Monreal; Merino (34′ st Zubimendi), Guevara, David Silva; Portu (23′ st Bautista), Isak (23′ st José), Oyarzabal (41′ st Guridi). In panchina: Moya, Ayesa, Munoz, Arambarri, Januzaj, Lopez, Merquelanz. All. Alguacil.
Napoli (4-3-3): Ospina; Hysaj, Maksimovic, Koulibaly, Mario Rui; Bakayoko, Demme (44′ st Fabian Ruiz), Lobotka (16′ st Di Lorenzo); Politano (16′ st Mertens), Petagna (16′ st Osimhen), Insigne (22′ pt Lozano). In panchina: Meret, Contini, Ghoulam, Manolas, Rrahmani, Elmas, Zielinski. All. Gattuso.
Rete: 10′ st Politano.
Arbitro: Craig Pawson (Eng).
Note – Serata serena, terreno di gioco scivoloso. Espulso: al 47′ st Osimhen per doppia ammonizione. Ammoniti: Lozano, Le Normand. Angoli: 2-2. Recupero: 2′, 4′.