Italy
This article was added by the user . TheWorldNews is not responsible for the content of the platform.

Recco, Passi carrabili: il Comune regolarizza le varie posizioni

Recco, Passi carrabili: il Comune regolarizza le varie posizioni

Recco, Passi carrabili: il Comune regolarizza le diverse posizioni. Dal 2024 tutte le concessioni pagheranno una tariffa ridotta del 5%. 

La Giunta comunale di Recco ha approvato la regolamentazione dei passi carrabili e degli accessi a raso attraverso apposita concessione. Coloro che intendono regolarizzare il passo carrabile, possono farlo presentando domanda nel periodo transitorio, fissato dal 1/09/2022 al 30/06/2023.

La domanda va fatta nelle forme usuali e con i relativi versamenti del canone, secondo le tariffe vigenti, per gli anni 2021, 2022 e 2023 senza incorrere in alcuna maggiorazione o interesse per il ritardo e senza il recupero delle annualità precedenti.

Chi invece non si sarà regolarizzato entro la data prevista avrà una comunicazione di avvio del procedimento e, una volta rilasciata la concessione, dovrà pagare il solo canone per gli anni 2019, 2020, 2021, 2022 e 2023 con applicazione delle rispettive tariffe vigenti, senza applicazione di sanzioni ed interessi. In risposta alla comunicazione di avvio del procedimento, i soggetti interessati avranno ancora 60 giorni per presentare domanda di occupazione

«La legge prevede che tutti i coloro che usufruiscono di un passo carrabile devono pagare in Comune la specifica concessione ̶ chiarisce il sindaco Carlo Gandolfo ̶ gli uffici, effettuando verifiche, hanno riscontrato che alcuni cittadini o condomini e attività, pagano questa concessione ed altri no. Ora intendiamo regolarizzare tutte le posizioni.

Facendolo precedere da un periodo transitorio, che è di dieci mesi, per permettere ai cittadini di mettersi in regola senza problemi. A conclusione di questo procedimento sarà possibile per tutti pagare di meno infatti è prevista una tariffa ridotta del 5%, a partire dal 1 gennaio 2024. Pagare tutti per pagare di meno, secondo un principio di equità fiscale». ABov