La Giunta ha approvato la localizzazione del nuovo impianto, in località Mochena, che va ad ampliare l'attività dell’azienda Re – Cig S.r.l, già attiva in un'area limitrofa. Verrà potenziato il recupero di frazioni di rifiuto che non verranno più destinati a smaltimento finale in discarica o incenerimento

TRENTO. Un nuovo impianto di trattamento di mozziconi e scarti di prodotti da fumo in località Mochena nel comune di Civezzano: è questo che prevede il nuovo provvedimento proposto dall’assessore all’ambiente Mario Tonina che va ad ampliare l'attività dell’azienda Re – Cig S.r.l., già attiva nel trattamento di mozziconi in un'area limitrofa.

Dal recupero e lavorazione di rifiuti "urbani" provenienti dalla raccolta differenziata di mozziconi e "speciali", quindi scarti di prodotti dell’industria del fumo (filtri, carta) si arriva alla produzione di un materiale che, dopo apposita certificazione, può essere utilizzato come materia prima.

Con questo provvedimento la Giunta  approva la localizzazione, nell’ambito del Piano provinciale di gestione dei rifiuti, di un’area, in località Mochena da destinare alla realizzazione del nuovo impianto, dove si andrà a potenziare l'attività di recupero esistente e che sorgerà in un’area limitrofa a quella dell'analogo impianto di RE-CIG S.r.l. , già autorizzato per il recupero dei filtri da mozziconi. 

Verrà quindi potenziato il recupero di frazioni di rifiuto che non verranno più destinati a smaltimento finale in discarica e/o incenerimento.

Lo stabilimento sorgerà nella zona industriale al limite orientale del Comune di Civezzano, in prossimità del confine con il Comune di Pergine Valsugana e a qualche centinaio di metri da Cirè.

Contenuto sponsorizzato