Un'operazione di maxiriciclaggio da 136 miliardi di euro, di cui "36 miliardi già pronti, cash". È l'affare a cui stava lavorando Roberto Recordare, imprenditore indagato per riciclaggio dalla procura antimafia di Reggio Calabria. Per i magistrati è lui la mente economico-finanziaria di un cartello di clan calabresi, siciliani e campani, che grazie a lui avrebbe riciclato miliardi. A svelarlo un'informativa depositata agli atti del processo "Euphemos", nel febbraio scorso è costato i domiciliari al consigliere regionale appena eletto Domenico Creazzo, riportata oggi dal quotidiano Domani. Ma le carte dell'inchiesta che Repubblica ha avuto modo di leggere vanno oltre, svelano che Recordare per i clan aveva gestito fondi per 500 miliardi e si poteva permettere il lusso di "buttare nel cestino un bond da 100 miliardi".  Numeri da capogiro, superiori alla somma delle manovre finanziarie annuali degli Stati di mezza Unione Europea.

Non è la prima volta che Recordare inciampa in un'inchiesta della procura antimafia di Reggio Calabria. In passato, la sua voce era stata intercettata dagli investigatori che lavoravano sui contatti del clan Gullace fra Calabria e Liguria, dove il consulente viene pizzicato - emerge dalle intercettazioni - mentre organizza un incontro d'affari con Sofio, arrestato come braccio destro di Carmelo Gullace nell'operazione Alchemia, ma assolto nel processo che ne è scaturito.

Da quell'inchiesta, apparentemente Recordare non è stato neanche sfiorato, sebbene dalle intercettazioni pare si sia prodigato per tentare di "aggiustare" la posizione processuale di Candeloro Gagliostro, che contro l'arresto ha fatto ricorso fino in Cassazione. Ma la procura evidentemente su di lui ha continuato a lavorare. Ufficialmente imprenditore attivo nel settore dell'informatica, in realtà - spiegano le indagini - è un professionista che i soldi sa farli girare fino a far perdere qualsiasi traccia della loro reale origine, muovendosi con disinvoltura fra Germania, Turchia, Malesia, Afghanistan, Dubai, Tagikistan. E che si muove in mondo di professionisti che fanno abitualmente la medesima cosa. 

"Riferiva - annotano gli investigatori -  di avere conosciuto un soggetto, senza specificare la sua identità, il  quale aveva aperto un conto corrente in '"Liechtenstein" a favore di Matteo Renzi, proprio il giorno successivo alla sua (di Renzi) nomina a Presidente del Consiglio". Uno dei suoi più stretti collaboratori, Giovanni D'Urso invece raccontava "che dieci giorni prima si era recato all'Hotel Nettuno (ndr. di Catania) per incontrare Roberto Lagalla (ex assessore regionale alla sanità per Cuffaro) il quale si doveva candidare insieme a Musumeci salvo poi cambiare idea Giovanni D'Urso aggiungeva che era presente anche un Ministro e che nella stessa circostanza erano presenti anche Cesa (si potrebbe trattare di Lorenzo Cesa attuale segretario del partito "Unione di Centro") e un tale di nome Muccini" non identificato.  

Nel portafoglio clienti di Recordare, per quel che fino adesso è stato rivelato,  non c'erano politici, ma un cartello mafioso che mette insieme il clan  Parrello-Gagliostro di Palmi e lo storico casato degli Alvaro di Sinopoli,  imprenditori catanesi in passato finiti tra le maglie di un'operazione antimafia e i camorristi del clan Iarunese di Casal di Principe, tutti rappresentati da 12 faccendieri, metà italiani e metà stranieri.  

Una rete finanziaria mondiale al servizio delle mafie, secondo gli investigatori, in grado di far fondi per 500 miliardi di euro, tutti nascosti su conti fantasma perché privi di iban, ma "rientranti nel patrimonio degli istituti bancari", accessibili e monetizzabili tramite chiavi elettroniche  in mano a Recordare e tutti intestati a prestanome, alcuni dei quali deceduti. Uno si chiamava Dimitri Verchtl, nato in Russia e deceduto nell'87 a Oslo, ma fino a qualche tempo fa attivissimo nello spostare soldi da un conto all'altro in tutto il mondo. In realtà era proprio Recordare a vestire identità fittizie per far girare il denaro nel labirinto finanziario che aveva strutturato.  Alla base della rete, un conto madre alla Banca nazionale di Danimarca. Ad alimentarli, soldi sporchi - ipotizzano gli investigatori - "riciclati nel tempo, presumibilmente provento di traffici illeciti quali il traffico di armi e stupefacenti, senza escludere i proventi di estorsioni, usura e altre condotte delittuose".  

E che si trattasse di affari illeciti, Recordare lo sapeva perfettamente. Lo "confessa" lui stesso, intercettato, quando racconta di aver dovuto buttare in un cestino dell'aeroporto di Roma la busta contenente i codici di accesso, certificati bancari e documenti relativi a prodotti finanziari del valore di cento miliardi di euro. "Ho detto 'va, dopo che mi lasciano torno e la prendo'. Se la prendevano diventava... perché avevo il bond da trentasei miliardi". Un'atra intercettazione, captata in ambientale, mostra l'assoluta nonchalance dell'imprenditore, che senza mezzi termini chiede ad un ingegnere, considerato di fiducia, di far passare sui propri conti un bonifico da 30milioni di euro e la disponibilità a farli sparire subito dopo.  

A Recordare però piace giocare con il fuoco. Ha capito di avere il fiato sul collo degli investigatori, anzi che ci sono addirittura "tre servizi segreti che ci stanno addosso". Ma si sentiva convinto di poterne uscire indenne, anche grazie ad una rete di contatti e relazioni che andavano dal "governo della Malesia e la Banca Centrale" a tecnici di grandi istituti bancari come la Deutsche bank, disponibili ad operazioni delicatissime e che in pochi al mondo hanno chiavi e competenze per fare. Uno "specializzato abilitato a operare nel dodicesimo livello", dunque in grado di far arrivare un flusso di capitali su una banca malese, per poi girarli su un conto del Tagikistan. Giravolte finanziarie di cui Recordare era esperto e che sperava di aver reso invisibili. Ma non lo sono state per la procura antimafia di Reggio Calabria.