Italy

Regionali, tredici impresentabili sono troppi: mancano gli onesti (ma si votano sempre gli stessi)

Sostenitore

Sostenitore

I post scritti dai lettori

Politica

Regionali, tredici impresentabili sono troppi: mancano gli onesti (ma si votano sempre gli stessi)

di Donatello D’Andrea

Tredici. Non si tratta di un numero a caso digitato sulla tastiera. È il numero degli impresentabili che la Commissione antimafia è riuscita a scovare nelle liste dei candidati alle elezioni regionali. Ben nove provengono dalla Campania, tre dalla Puglia e uno dalla Valle d’Aosta.

Sono troppi. È un grande problema, soprattutto a livello morale e politico. Se la politica non fa una selezione all’ingresso, come possono farla gli elettori? Se lo Stato non predispone degli strumenti affinché dei lestofanti restino fuori dalla politica, come può farlo l’elettore?

Laddove nelle liste ci siano soggetti contigui o sospettati di qualsivoglia reato grave, come la collusione o la corruzione, è evidente che la politica non possa essere una scelta per loro sostenibile, per una questione morale, culturale e sociale.

Il nostro futuro non deve essere una proiezione del nostro passato. Sappiamo benissimo che tra le file della politica abbiamo avuto uomini al servizio delle mafie. Se non c’è questa etica nei partiti, è evidente che ci troveremo di fronte, ancora una volta, al pericolo che la politica possa essere inquinata dal pregiudizio, fondato, che sia tutto un magna magna, un crogiuolo di ladri disonesti venduti alla criminalità.

Se la politica non è in grado di trovare referenti onesti, soprattutto al Sud Italia, significa che l’onestà non rientra nei suoi canoni. Lo vediamo in Campania, dove ci sono 9 dei 13 impresentabili, i quali provengono proprio dalle due liste principali. Quella di De Luca e l’altra di Caldoro.

Con tutta la simpatia che le battute di De Luca possono ispirare, la realtà politica è ben diversa dalla goliardia. Più volte al centro di bisbigli giudiziari, l’attuale Presidente è uno dei dinosauri incriminati dalla narrazione secondo cui la politica abbia referenti in ambienti poco ortodossi di cui lui è il rappresentante. Stesso discorso per Caldoro, con l’aggravante che il centrodestra ha coscienza del fatto che lui sia inviso ai campani. Ma i partiti “non sanno chi candidare”, ritenendo lui l’unico nome spendibile.

Potrebbe dirsi lo stesso per Raffaele Fitto, dato che in Puglia la politica di centrodestra è lui, non esistono altri nomi perché tutto dipende da lui.

Gli impresentabili sono, di solito, quelli che portano voti. E i partiti sperano che la Commissione – parlamentare, ricordiamolo, e quindi soggetta ad interessi particolaristici – non ne scovi troppi. Poi, se un partito vuole candidarli comunque può farlo. Tanto la lista degli impresentabili è un codice etico e non ha nessun valore giuridico. Anche questo è un problema della politica. Mancano nomi, referenti onesti, persone che facciano l’interesse del popolo e non quello della criminalità. Manca una politica capace di anteporre il bene comune al voto, manca una politica etica che prenda eticamente alla lettera quella lista.

Insomma, manca un po’ tutto ma gli elettori sono costretti a votare sempre gli stessi.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Articolo Successivo

Regionali, non mi importa chi vincerà ma cosa accadrà alla medicina del territorio

next
meteo

Football news:

Conte su 2:0 con Genoa: L'Inter è consapevole della sua forza e ha aiutato a giocare con sicurezza
👏 Il mondo Intero parla della partenza di Habib e si congratula con lui per la sua vittoria. Richiedono per lui il primo posto nella classifica e rispettano il desiderio di stare con la famiglia
Klopp Pro 2:1 con Sheffield:le vittorie 2:0 about 3:0 arrivano quando si combatte ferocemente in questi giochi
Messi ha ripetuto la sua peggiore serie - 6 partite senza gol al Real Madrid
Schalke 21 la partita di fila non vince in Bundesliga e va al penultimo posto
Ronaldo-Habib: Congratulazioni, fratello. Tuo padre è orgoglioso di te 🙏
Suarez divide il 1 ° posto nella gara dei marcatori della Liga con Fati e Paco, segnando 5 (4+1) punti in 5 partite