This article was added by the user . TheWorldNews is not responsible for the content of the platform.

Respinto il ricorso dei no-green pass contro l'obbligo del certificato all'Europarlamento

Revocata l'ordinanza che autorizzava ingresso con autotest

Per entrare al Parlamento europeo resta l'obbligo del green pass: la Corte dell'Unione ha respinto i ricorsi di un gruppo di deputati e dipendenti contro l'obbligo del certificato

30 novembre 2021Torna l'obbligo del certificato verde per entrare nei locali del parlamento europeo. Con un'ordinanza precedente il Tribunale aveva disposto provvisoriamente che si potesse accedere anche con l'esibizione di un test negativo: oggi la sentenza che afferma l'obbligo del green pass.

Il ricorso era stato presentato da diversi deputati, funzionari ed assistenti parlamentari contro la decisione del 27 Ottobre scorso da parte dell'ufficio di presidenza: si introducevano "norme eccezionali in materia di salute e sicurezza per l'accesso agli edifici del Parlamento nei suoi tre luoghi di lavoro, Bruxelles, Strasburgo e Lussemburgo", e cioè accesso agli edifici consentito soltanto dopo presentazione di un certificato di vaccinazione, test negativo o attestazione di guarigione dal Covid-19. Dopo il ricorso contro questa scelta - ordinanza del 5 novembre 2021 - il presidente del Tribunale aveva disposto provvisoriamente che i ricorrenti potessero accedere ai locali sulla base anche soltanto di un test negativo. 

Le motivazioni del Tribunale


Nella sua decisione odierna il presidente del Tribunale ha respinto le richieste di sospensione. Così le motivazioni: "Il solo fatto di dover rispettare condizioni per accedere agli edifici del Parlamento" - si legge nella nota del Tribunale Ue - "non significa che tale obbligo causi ai ricorrenti un danno grave e irreparabile che richieda l'adozione di provvedimenti provvisori".