Italy

Roland Garros, Berrettini supera Harris. Cinque italiani al terzo turno

Non brillante, ma vincente. E siccome c’era da centrare il record, il risultato viene prima. Mai, nell’era Open, l’Italia aveva portato cinque giocatori al terzo turno del Roland Garros: la cinquina è merito di Matteo Berrettini, che non ha mostrato la miglior versione di se stesso ma è comunque riuscito a venire a capo di una partita complicata contro un avversario, il sudafricano Lloyd Harris, altrettanto fastidioso.

A questo, si è aggiunto il blackout di Berrettini che, dopo essere risalito da 2-4 a 6-4 nel primo set, con 14 errori non forzati nel secondo set ha rimesso Harris in partita.

Il Berrettini del secondo set, questa partita l’avrebbe probabilmente persa: ha fatto in tempo a rientrare nei binari, soprattutto di testa, e a riprendere a comandare, fino al 6-4 4-6 6-2 6-3 finale, che gli regala una grande chance, quella di migliorare il risultato del 2018, quando si fermò al terzo turno: davanti, ora, non c’è Thiem come due anni fa ma il qualificato tedesco Daniel Altmaier, numero 186 del mondo, con la prospettiva di sfidare uno tra Bautista Agut e Carreno Busta negli ottavi e probabilmente Djokovic nei quarti.

Esattamente dall’altra parte del tabellone c’è Stefano Travaglia, che oggi chiuderà il programma sul campo centrale contro Rafa Nadal, in una giornata che vedrà in campo anche Lorenzo Sonego, Marco Cecchinato e Jannik Sinner, oltre a Martina Trevisan che farà di tutto per difendere le nostre quote rosa.

Football news:

Lopetegui pro 0:0 con il Chelsea: Siviglia ha mostrato un buon gioco di squadra
Rashford sulla vittoria contro il PSG: il Manchester United ha ora una forte posizione nel gruppo
Nagelsmann sulla vittoria contro L'Istanbul: non è completamente soddisfatto del gioco di Lipsia - è stata la stanchezza, non la pressione più efficace
Il portiere di Bruges Horvath su 2:1 con Zenit: hanno dimostrato che non dovremmo considerarci estranei noti del gruppo
Il Manchester United Ha Vinto di nuovo a Parigi con un gol in ritardo di Rashford. L'eroe inaspettato è un riservista di 22 anni che non era sul campo da dicembre 2019
Jürgen Klopp: prima Oliver non ha visto il momento, poi VAR ha dimenticato le regole. E le conseguenze venuto solo per van Dyck e Thiago
Favre sulla sconfitta dalla Lazio: il Borussia mancava di determinazione. L'allenatore del Borussia Dortmund Lucien Favre ha parlato della sconfitta contro la Lazio