Italy

Sabrina Paravicini: “Ho sentito il mio seno sinistro come accartocciarsi e ho iniziato a stare male. Era ‘diagnosi morte’”

“Ho cominciato a stare male, è successo qualcosa una notte, alle 5:00 del mattino ho sentito come se il mio seno sinistro si accartocciasse, ho fatto un ecografia di controllo il giorno dopo, poi ho fatto una mammografia dopo due giorni ed era tutto a posto, ma ho cominciato a stare male, il seno diventava rosso…”. Inizia così il toccante racconto di Sabrina Paravicini nell’ultima puntata di “Oggi è un altro giorno” su Ra1. L’attrice è tornata a parlare del tumore al seno che le è stato diagnosticato due anni fa e contro cui sta combattendo la sua battaglia.

“Mi sono quindi rivolta al Policlinico Umberto I di Roma, e mi hanno scoperto il tumore con una risonanza magnetica di contrasto – ha spiegato Sabrina Paravicini -. Oggi, grazie alla ricerca, e il mio libro sostiene la ricerca (il libro che racconta anche del figlio autistico ndr), il tasso di sopravvivenza è del 90%. Sono stata convocata per leggere l’esame istologico, l’infermiera non mi aveva anticipato nulla al telefono: è stato scioccante quando me l’han detto anche perchè io ho precedenti in famiglia, mio padre è morto di tumore al cervello, all’epoca la diagnosi di tumore era ‘diagnosi morte’”, ha raccontato.

“È un qualcosa di cui tutti abbiamo paura ma speriamo non capiti mai, e quando te lo dicono è devastante -ha proseguito l’attrice -. Ho fatto tutto da sola in questa prima parte, anche dopo in realtà, ma quando ho fatto la tac total body con un ago molto grosso, sono andata nel panico e mi sono messa a piangere, era la prima volta che piangevo, mi sono lasciata andare. Avevo già pianto un pochino a casa perchè avevo paura di morire, visto che mia zia è morta di tumore al seno 15 anni fa. La mastectomia al seno, l’asportazione del seno, è stata la cosa più brutta e non l’ho ancora accettata. Io ho perso anche una sorella e da quando mi sono ammalata sono riuscita a lasciare andare questi lutti nel modo più giusto; non li avevo mai rimossi ne elaborati”, ha concluso raccontando poi un aneddoto con ironia: “La mia parrucca l’ho chiamata Carlà perchè mi ricordava Carla Bruni da giovane, anche se l’ho messa pochissime volte”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

Luca Argentero furioso: “Siamo schifati, disgustati. Nina schiaffata sui giornali da Alfonso Signorini e Umberto Brindani”

next

Football news:

Anton Ferdinand sullo scandalo razzista con Terry: Mi hanno mandato un proiettile per posta. Gli insulti nei social network sono venuti ogni ora
Man City ha offerto 19 milioni di euro tenendo conto dei bonus per 17 anni, centrocampista argentino Sarmiento
Rehagel e ' un delinquente che non accetto scuse. La storia del trauma più terribile nella storia della Bundesliga
Le elezioni presidenziali del Barcellona si terranno il 24 gennaio
Koke: per battere il Bayern, è necessario condurre una partita quasi perfetta. Spero che la loro serie senza sconfitte si Interrompa domani
Leo può riportare Müller, boateng e hummels in Germania, se ci saranno molti infortuni
Nacho sul gioco del Real Madrid: quindi i titoli non vengono vinti. Stiamo lavorando per migliorare