This article was added by the user . TheWorldNews is not responsible for the content of the platform.

Salernitana esclusa dalla Serie A e retrocessa tra i dilettanti: si avvicinano le scadenze

Due date cerchiate in rosso sul calendario: il 5 e il 31 dicembre sono i giorni decisivi per il futuro della Salernitana che entro fine 2021 deve avere una nuova proprietà e tagliare il cordone ombelicale con Claudio Lotito.

Esclusa dalla Serie A e retrocessa tra i Dilettanti. È lo scenario apocalittico, l'incubo peggiore per la Salernitana. Il conto alla rovescia è iniziato, in calendario ci sono due date cerchiate in rosso e decisive per il futuro immediato del club che entro fine 2021 deve avere una nuova proprietà e tagliare il cordone ombelicale con Claudio Lotito, massimo dirigente della Lazio. La questione della multiproprietà è la spada di Damocle che pende sulla testa dei granata e di una tifoseria che spera di togliersi quel pensiero martellante: vedere la squadra del cuore dissolversi nel nulla, risucchiata nel buco nero della retrocessione d'ufficio.

Il 5 dicembre è il termine ultimo concesso dai trustee Paolo Bertoli e Susanna Isgrò a eventuali acquirenti per presentare sul tavolo offerte vincolanti, proposte economiche in assoluta discontinuità con il passato e tali da avere il via libera per rilevare i campani in questo momento nelle mani delle società fiduciarie Widar Trust e Melior Trust. Il presidente della Federcalcio, Gabriele Gravina, ha fissato la dead line ed è stato molto chiaro nella posizione espressa a Lotito relativamente all'anomalia: la cessione della Salernitana deve avvenire entro e non oltre il 31 dicembre. Cosa rischia? Si aprirebbe un baratro sotto i piedi: cancellazione immediata dal massimo campionato italiano e ripartenza tra i Dilettanti.

Quali e quante sono, al momento, le offerte che sono pervenute alle figure incaricate di gestire la società e mettere in atto le pratiche necessarie per il trasferimento di proprietà? Più di un cenno c'è stato ma le cifre nel piatto sembra siano state giudicate ancora insufficienti per ipotizzare una cessione. Al di sotto della somma di circa 80 milioni – indicata dal Corriere della Sera – che il presidente Lotito aveva immaginato per chiudere la sua esperienza (anche) alla guida della Salernitana. La clessidra è agli sgoccioli: la prossima settimana ci sarà a Roma l'incontro  che sarà decisivo, in un senso o nell'altro. Fumata bianca o grigia, il destino del club per adesso resta in bilico.