Italy

Sanità nel mirino degli hacker, attacchi cresciuti con la pandemia: intelligence mobilitata

Emergenza Covid

L’attacco hacker sferrato domenica 1 agosto al Centro elaborazione dati della Regione Lazio non è un caso isolato. L’intelligence in questi mesi ha puntato a tutelare strutture ospedaliere e centri di ricerca nazionali, nonché le principali realtà attive nello sviluppo e nella sperimentazione di vaccini e terapie contro il Covid

2 agosto 2021

I dati dei vaccinati al 1 agosto 2021

Domenica 1° agosto è toccato al Centro elaborazione dati della Regione Lazio. Ma non è un caso isolato. Nel marzo del 2020 hacker avevano preso di mira il San Raffaele di Milano e nell’aprile dello stesso anno l’ospedale Spallanzani di Roma. Senza contare gli attacchi non resi pubblici. E l’intelligence ha da tempo allertato la rete sanitaria nazionale invitandola ad innalzare le difese su reti ed infrastrutture.

Attacchi informatici in crescita

In attesa dell’istituzione dell’Agenzia per la cybersicurezza nazionale - il decreto, dopo aver passato l’esame della Camera, è ora all’esame del Senato - è il Nucleo sicurezza cibernetica, presieduto dal direttore generale con delega al cyber del Dis, Roberto Baldoni, a gestire eventuali crisi cibernetiche e curare la preparazione e la prevenzione in materia di sicurezza informatica. Il fenomeno non è italiano, ma mondiale. Gli attacchi informatici sono in crescita esponenziale anno dopo anno. E il settore sanitario è uno dei bersagli più delicati in tempo di pandemia.

La vulnerabilità del settore sanitario

Quella che emerge è un’evidente vulnerabilità di enti ed aziende nel settore sanità, spesso poco attrezzate per contrastare la minaccia cibernetica, che può manifestarsi sotto forma di “data breach” con la sottrazione o la divulgazione di dati conservati oppure con il blocco del sistema.

Intelligence mobilitata

L’intelligence in questi mesi ha dunque puntato a tutelare strutture ospedaliere e centri di ricerca nazionali, nonché le principali realtà attive nello sviluppo e nella sperimentazione di vaccini e terapie contro il Covid, individuando le vulnerabilità informatiche degli assetti strategici, anche avviando contatti diretti con i potenziali bersagli, in un’ottica di mitigazione del rischio.

Scopri di più

I diversi tipi di attacco

Gli attacchi possono provenire da quelli che vengono definiti “attori statuali” per rubare informazioni sensibili su terapie e stato della ricerca, da “hacktivisti” (il collettivo LulzSec ITA ha rivendicato, ad esempio, l’intrusione al San Raffaele) e anche da criminali che possono chiedere un riscatto (’ransomware’) oppure vendere sul mercato le informazioni sottratte. Il ’ransomware’ sembra essere la tipologia più frequente.

Football news:

Dybala e Morata hanno traumi muscolari. Non giocheranno con Chelsea e Torino
L'ex difensore del Manchester United Gary Neville ha criticato lo stile delle scuse dei giocatori sui social network dopo le dichiarazioni del centrocampista Mancunian brunu Fernandes per un rigore non realizzato nella partita del 6 ° turno DELL'APL
Il Presidente del Borussia Dortmund Hans-Joachim Watzke ha parlato delle prestazioni dell'ala Jadon Sancho, venduta al Manchester United in estate
La UEFA ha rifiutato il caso contro i fondatori della Super League-Barça, Real Madrid e Juventus
Agnelli sulla Super League: i suoi valori garantiranno la stabilità dell'industria calcistica
Moriba non ha ancora giocato per Lipsia dopo il trasferimento da Barca. L'allenatore Marsh non conta su di lui
Simeone di Milano: giocare con questo club in Champions League è fantastico. La prima squadra che è cresciuta negli ultimi anni