Italy

Scontro nel calcio di serie A: la Lega fa causa a Sky, venerdì i calendari della Fase 3 del campionato

I perché dei nostri lettori

Perché ritengo il giornale valido con articoli interessanti, redatti da validi giornalisti ed opinionisti. Non ultimo, nonostante sia lontano, sono rimasto attaccato alla mia città, Torino. La possibilità di leggere il giornale online, puntualmente, è per me un vantaggio.

Roberto

I perché dei nostri lettori

La Stampa è autorevole, lineare, ed essenziale. Senza fronzoli. E’ locale e globale. Copre spesso temi e aree geografiche lontane dalle luci della ribalta.

Matteo, Mantova

I perché dei nostri lettori

Sento il bisogno di avere notizie affidabili e controllate sia a livello nazionale che locali. I commenti degli editorialisti sono preziosi, aiutano a leggere tra le righe i fatti.

Angelo, (TO)

I perché dei nostri lettori

Nel 1956 avevo 5 anni e guardavo le foto (le figure) della Stampa che mio padre acquistava ogni giorno. Ho mantenuto l’abitudine paterna, ed in questo periodo, mi è arrivato, da mia figlia, un abbonamento digitale: la ringraziai dicendole che quel cibo per la mia mente, valeva molto di più di una torta di compleanno.

Ezio, Pocapaglia (CN)

I perché dei nostri lettori

Perchè è comodissimo: a disposizione ovunque si sia, disponibile già di notte e a minor costo; ora anche email d'aggiornamento lungo la giornata: cosa si può chiedere di più?

Vittoria, (TO)

Entro il fine settimana potrebbe prendere corpo la fase 3 della Serie A. La Lega e la Federcalcio attendono l'incontro decisivo di giovedì con il ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora. Anche per una questione di garbo istituzionale, il Consiglio di Lega  non ha espresso un orientamento sulle varie ipotesi di calendario valutate per le restanti gare di Serie A e di coppa Italia, interrotte quasi tre mesi fa per l'emergenza coronavirus. Ogni valutazione è rinviata a venerdì: dopo il Consiglio, alle 11.30 si riunirà l'Assemblea, convocata d'urgenza anche per affrontare la questione tv, anche se la prima mossa è già stata decisa.

Il 27 maggio la Lega depositerà il un decreto ingiuntivo contro Sky, che non ha pagato l'ultima rata dei diritti tv e ha chiesto uno sconto del 15-18% anche in caso di prosecuzione del campionato. Si cerca invece un'intesa con gli altri licenziatari, Dazn e Img, le cui proposte verranno analizzate nelle prossime ore.

Intanto il mondo del calcio resta con il fiato sospeso fino a giovedì. Anche perché il governo valuterà ancora 48 ore il flusso dei dati sui contagi per definire la strategia sugli spostamenti fra le regioni, ovviamente fondamentali per portare a termine la stagione. La ripresa potrebbe scattare il 13 o il 20 giugno, e fra i club ci sono opinioni diverse anche su quali partite sia più opportuno giocare prima. C'è chi, per armonizzare subito la classifica anche nell'eventualità di un nuovo stop, spinge per partire dai recuperi della 25/a giornata, Atalanta-Sassuolo, Verona-Cagliari, Inter-Sampdoria e Torino-Parma. Altri preferiscono inaugurare la ripresa con 10 partite della 27/a giornata, per poi recuperare la 25/a subito dopo con un turno infrasettimanale. La coppa Italia, al momento, potrebbe trovare spazio in coda a due mesi in cui spesso le squadre dovranno giocare ogni tre giorni.

A preoccupare l'Assocalciatori c'è il rischio di infortuni, giocando così tanto dopo un lungo stop, e non è l'unica questione sollevata dal `sindacato´, che chiede di non giocare alle 16.30 e contesta le norme per l'iscrizione ai campionati che sposta il controllo del pagamento degli stipendi.

Venerdì in assemblea si analizzerà anche il “piano B”, ossia un format con brevi fasi di playoff e playout nel caso non ci fossero le condizioni per disputare tutte le partite, come previsto dal comunicato dell'ultimo Consiglio della Federcalcio.

L'obiettivo resta assegnare lo scudetto, definire le qualificazioni alle coppe e le retrocessioni il 2 agosto, per poi dare spazio a Champions ed Europa League. E anche per le coppe si deve valutare una soluzione alternativa. Anche oggi sono proseguite le riunioni fra la Uefa, l'Eca e l'European Leagues, in cui si continuano ad analizzare anche altri format, fra cui quello della final four. Altro nodo da sciogliere è quello dei contratti, da prolungare per portare a termine la stagione oltre la sua naturale scadenza.

Football news:

Gasperini su Atalanta: vogliamo entrare in Champions League e battere il record del club in punti in Serie A
Hames può lasciare il Real Madrid in APL per 25 milioni di euro. Un anno fa, atletico e Napoli hanno offerto per lui 45-50 milioni^.Il centrocampista del Real Madrid Hames Rodriguez, alla fine della stagione, è probabile che cambi il club
Gattuso su Napoli: dobbiamo capire la mentalità dei vincitori
Vanguard si è congratulato con Zenith con il titolo: è il momento di abbinare e prendere la Coppa Gagarin
Allenatore Orenburg pro 0:1 con Rubin: moralmente devastato, potrebbe pareggiare
Quique Setjen: Griezmann ha giocato una grande partita, ha ben compreso Messi, ha segnato un gol perfetto. Abbiamo cambiato qualcosa
Il Presidente del Barça sulla partita del Real Madrid: il VAR favorisce sempre una squadra. Mi sento a disagio