Italy

Scuola, Speranza: "Difendo scelta riapertura"

"Abbiamo deciso di riaprire la scuola, siamo consapevoli che c'è un elemento di rischio in questa scelta. Ma abbiamo deciso di investire il nostro tesoretto sull'architrave del nostro paese". Roberto Speranza, ministro della Salute, a Che tempo che fa si esprime così sulla decisione di riaprire la scuola, dal 7 aprile, anche in zona rossa fino alla prima media. Domani, con gran parte dell'Italia in zona arancione, 8 studenti su 10 torneranno in aula. "Sono state somministrate 13 milioni di dosi e la curva dell'epidemia ha dato primi segnali" di calo. "Il governo ha fatto una scelta che io difendo con forza e che rivendichiamo nella nostra collegialità. Grazie alle misure adottate tra marzo e aprile abbiamo accumulato un piccolissimo tesoretto e abbiamo scelto di investirlo sulla scuola, un pilastro della società italiana che ha pagato un prezzo altissimo in questi mesi. Il governo vuole provare ad avere due mesi di scuola in presenza per consentire ai nostri figli di assaporare il piacere di frequentare le lezioni in presenza. Tutti i dati che abbiamo ci dicono che non ci sono problemi nelle aule, ma sono legati ai movimenti. Siamo consapevoli che c'è un elemento di rischio in questa scelta, ma abbiamo deciso di mettere questo tesoretto sulla scuola, architrave del nostro paese", dice Speranza.

Sarebbe un errore riaprire tutto in maniera frettolosa. "Sono stato accusato di essere ultrarigorista e di chiudere tutto. L'Italia, dopo il primo lockdown, ha provato a leggere quello che succede su ogni territorio e valutare le misure sulla base del quadro epidemiologico. L'Italia tra marzo e aprile è stata quasi tutta rossa e ora ci sono le condizioni per far passare alcune regioni in arancione. Abbiamo scelto tra marzo e aprile di non avere zone gialle per contrastare la variante inglese. Ora, nella seconda metà della primavera, puntiamo sulle misure che sono riuscite e piegare la curva -da 3 settimane l'indice Rt si abbassa- e puntiamo sulla vaccinazione. Abbiamo bisogno di attenzione e gradualità, senza bruciare le tappe e senza vanificare i sacrifici", dice Speranza.

L'uscita dal tunnel è legata soprattutto alle vaccinazioni. "Negli ultimi 3 giorni abbiamo somministrato 300.000 dosi al giorno, è solo l'inizio di una fase di accelerazione. Non c'è dubbio, avremmo voluto tempi più rapidi. Ma mi sento di affermare il contrario rispetto a chi dice che sia stato un errore acquistare a livello europeo. Abbiamo deciso di acquistare insieme, forse i contratti potevano essere costruiti con maggior accortezza e la Commissione poteva essere più veoce. Ma non penso che il 'tutti contro tutti' sarebbe stata la soluzione: fare meglio non significa fare da soli, l'idea di acquistare insieme era giusta. Nelle prossime settimane continueremo ad acquistare insieme, correggendo gli errori commessi", afferma.

Capitolo AstraZeneca: il vaccino, dopo rari casi di trombosi successive alla somministrazione, ora viene raccomandato per gli over 60. "AstraZeneca è un vaccino efficace e sicuro. Il premier Draghi e il commissario Figliuolo si sono vaccinati con AstraZeneca Sono convinto che questo vaccino sia ancora un'arma importante a disposizione. E' un vaccino che funziona e salva la vita, come dimostra l'esempio della Gran Bretagna. Mi auguro si possa dare maggior certezza all'opinione pubblica: ogni persona che si vaccina fa bene a se stesso e fa bene alla comunità", dice il ministro. L'ultima ordinanza del generale Figliuolo, commissario per l'emergenza covid, ha evidenziato che la priorità nelle vaccinazioni spetta ai soggetti anziani e fragili. "I piani che abbiamo approvato erano sempre vincolanti per tutti. Sin dal 2 dicembre, quando sono stato per la prima volta in Parlamento per comunicare il piano, avevamo indicato 3 categorie: personale sanitario, ospiti e lavoratori delle Rsa, persone con più di 80 anni. Quella comunicazione diede un impianto che io ancora oggi ritengo giusto. Il vaccino AstraZeneca, però, quando è stato approvato era utilizzabile per le categorie più giovani e abbiamo deciso di usarlo per alcune categorie, compreso il personale scolastico. Chi ha ricevuto la prima dose AstraZeneca, riceverà anche la seconda", dice il ministro.

Football news:

Griezmann ha parlato con Hamilton e ha visitato i box Mercedes al Gran Premio di Spagna
Barcellona sente che Neymar l'ha usata. Ha detto che voleva tornare, ma ha esteso il contratto con il PSG (RAC1)
Obameyang-i fan Dell'Arsenal: volevano regalarti qualcosa di buono. Mi dispiace che non siamo riusciti
L'Atlético non ha perso al Camp Nou. L'infortunio di Busquets è un evento di svolta della partita (e una gara di campionato?)
Verratti ha danneggiato i legamenti del ginocchio durante L'allenamento del PSG. La partecipazione All'Euro è ancora in discussione
Il Contratto di Neymar in una foto. Mbappe vuole lo stesso
Il Manchester United vorrebbe firmare L'estate di Bellingham, non Sancho. Il Borussia Dortmund non ha intenzione di vendere Jude