Italy

Sebino Nela racconta la lotta contro il tumore: “Mi sono salvato per un pelo. La nostra è stata una famiglia distrutta dal cancro”

Il toccante racconto dell'ex calciatore della Roma Sebino Nela a Serena Bortone, in diretta nella puntata odierna di "Oggi è un altro giorno" su Rai 1

“Nove anni fa ho scoperto questo male grazie a mia moglie non mangiavo niente, mi si gonfiava sempre lo stomaco. Come tutti gli uomini non abbiamo rapporto straordinari con i medici. Le ho detto: ‘In settimana lo chiamo’, ma lei ha insistito. Così ho chiamato il dottore e alla visita purtroppo è venuto fuori tutto“. Inizia così il toccante racconto dell’ex calciatore della Roma Sebino Nela a Serena Bortone, in diretta nella puntata odierna di “Oggi è un altro giorno” su Rai 1.

Nel corso dell’intervista, ha ripercorso la sua lunga battaglia contro il cancro, fatta di 4 interventi chirurgici, l’ultimo solo lo scorso ottobre, e due anni e mezzo di chemioterapia: “Mi sono salvato per un pelo – ha ammesso Nela -. Guarisci da una cosa e peggiori in un’altra, è stato difficile ma non ho mai perso il coraggio. Anzi ho dovuto avere coraggio anche per la mia famiglia. Mia moglie piangeva in una stanza, mia figlia in un’altra: gli ho detto ‘ragazze in realtà voi dovreste aiutare me'”.

E quando la conduttrice gli ha chiesto se in questi mesi si fosse fatto aiutare da qualcuno, ha spiegato: “Non è semplice, è chiaro che l’aiuto ti serve ma lo sai tu quello che stai vivendo. Sono stato arrabbiato, spaventato, la domanda che mi facevo più spesso era: perché? Mio padre, mio zio e mia sorella se ne sono andati per questo brutto male e l’altra mia sorella sono anni che lotta. E allora guardi verso l’alto e ti chiedi: perché? La nostra è stata una famiglia praticamente distrutta dal tumore“.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

Arianna David mostra le foto delle violenze subite: “Mi ha puntato una pistola alla testa e picchiata con una mazza”

next

Football news:

Malinovsky ha dato 2 + assist in due partite consecutive-il primo caso simile in Serie A In 8 anni
Arteta su 3:0 con Sheffield: Arsenal controllava il gioco. Preparazione perfetta per la Slavia
Ronaldo ha gettato una maglietta sul campo dopo la partita con Genoa. La Juve non penalizzerà Cristiano-potrebbe essere un regalo per te
Saco ha subito un infortunio alla coscia nella partita Dell'Arsenal con Sheffield
Ponte sul tedesco: si è calmato. Capito che il calcio non è solo di urlare e saltare sul bordo
Mourinho sulle parole di Sulscher: Sonny è fortunato che suo padre sia migliore di Ole. Un padre deve sempre dare da mangiare ai bambini. Dobbiamo rubare il cibo per loro-rubi
Sulscher su Sona: se mio figlio fosse sdraiato per 3 minuti e non si alzasse senza l'aiuto di 10 compagni, lo lascerei senza cena