This article was added by the user . TheWorldNews is not responsible for the content of the platform.

Senato: De Petris (Leu), 'brutto spettacolo su seggi contesi, sul Quirinale si rischia molto'

default featured image 3 1200x900 768x576

Roma, 3 dic (Adnkronos) – "Non è stata una bella giornata". Loredana De Petris lo dice subito. Le votazioni di giovedì (ieri) sui seggi contestati in Senato, le polemiche e le accuse scambiate in aula e fuori non hanno dato una bella immagine di palazzo Madama.

"Una serie di voti, tra l'altro, arrivati dopo troppo tempo, dopo 3 anni. Non è stata una bella cosa nemmeno per i senatori che sono andati via", spiega all'Adnkronos la capogruppo del Misto.

Una delle discussioni più accese c'è stata sul seggio contestato da Claudio Lotito alla fine rimasto al renziano Vincenzo Carbone; il voto decisivo è stato proprio su un Ordine del giorno presentato da Leu: "Quello era un seggio che nel riconteggio era di Leu, poi hanno votato un'altra soluzione a favore di Carbone e poi glielo hanno tolto.

Noi abbiamo chiesto che si tornasse in Giunta per le verifiche vere. Tutto qua", sottolinea la De Petris.

Che ne pensa delle accuse reciproche scambiate tra i Gruppi e della polemica sui franchi tiratori? "Il voto era segreto e non tutti i Gruppi hanno fatto dichiarazione di voto, io non so come hanno votato i senatori -spiega l'esponente di Leu-. Certo gli spostamenti trasversali ci sono stati, ma quando si vota sulle persone è sempre così.

E forse Lotito aveva esagerato troppo, troppe dichiarazioni. Ma io resto straconvinta, oltre al fatto che il seggio doveva tornare al nostro De Cristoforo, del fatto che il salto della Giunta fatto su Lotito dal punto di vista della legge non stava in piedi. C'è stata una interpretazione capziosa della legge elettorale".

Leggi anche