Italy

Sfuma il diploma italo-francese e al Petrarca monta la delusione

Le famiglie di 22 studenti del percorso EsaBac scrivono all’Ufficio scolastico: «Spostati di sezione solo per motivi amministrativi» 

TRIESTE «Siamo dispiaciuti, i nostri figli avevano scelto una scuola sperando di poter intraprendere un percorso specifico, cosa che adesso non sarà possibile». I genitori di 22 studenti del liceo Petrarca hanno scritto una lettera a Daniela Beltrame, direttrice dell’Ufficio scolastico regionale. Qualche giorno fa hanno saputo che i loro ragazzi non potranno continuare dopo il biennio con la sezione EsaBac, per ottenere sia il diploma in italiano che quello in francese.

A settembre infatti saranno unite due classi del terzo anno della sezione linguistica del liceo, in ottemperanza al regolamento che prevede l’accorpamento delle classi per le quali non è raggiunto il numero minimo di allievi previsto. A raccontare la preoccupazione è una delle mamme, Rosaria Perrone, che insieme ad Alessandra Rosaroni Stern, si è fatta portavoce dei malumori delle famiglie. «Non vogliamo fare polemiche nei confronti della scuola – sottolinea – anzi, tutto il Petrarca, dalla preside Cesira Militello al suo staff, sono sempre stati eccellenti, ma i ragazzi sono amareggiati. Per arrivare al numero necessario mancano all’appello 11 studenti. Ci sembra difficile, se non impossibile, raggiungere questo obiettivo. Già al primo anno erano pochi, bisognava pensare prima agli sviluppi futuri. Ai giovani dispiace molto questa decisione, non se l’aspettavano». Nella lettera inviata all’Ufficio scolastico, i genitori spiegano come «gli studenti delle sezioni EsaBac si stanno preparando già da due anni a conseguire il doppio diploma, riconosciuto in Italia e in Francia, in una situazione resa particolarmente difficoltosa dalla pandemia in atto. Ora si vogliono penalizzare ulteriormente gli allievi, per considerazioni puramente amministrative».



Beltrame spiega: «Sono in corso riunioni su temi urgenti che interessano i nostri uffici, ma nei prossimi giorni prenderò in esame la situazione e vedremo ciò che si può fare». Intanto la dirigente scolastica del Petrarca, che aveva illustrato le problematiche in una riunione nei giorni scorsi con i genitori, ricorda come «stiamo cercando di trovare la soluzione più equilibrata, nel rispetto dei desideri dei ragazzi, c’è anche da dire – precisa Militello – che alcuni studenti ci hanno scritto di aver cambiato idea rispetto al percorso iniziale scelto. Penso comunque sia necessario mettere a conoscenza dei giovani che possono ancora aderire all’EsaBac». —

Football news:

Le importazioni selvagge in Europa League: Kiper Lazio ha eseguito Dubravka e il difensore della Dinamo Zagabria ha ripetuto il trucco di Lingard
Il capo del club dei tifosi di Man City sulle parole di Guardiola sulla bassa presenza: è il miglior allenatore del mondo, ma deve fare i suoi affari
Ayose Pérez ha segnato il suo primo gol in Coppa del Mondo - Napoli
Nottingham Forest ha licenziato L'allenatore di Houghton. Il club va per ultimo nella Championship con 1 punto in 7 turni
Il portiere Lazio Strakosha ha lasciato cadere la palla in porta nella partita contro il Galatasaray. I turchi hanno vinto 1-0
Conte su Hakimi: il suo sogno è tornare al Real Madrid un giocatore chiave
Burnley ha esteso il contratto con l'allenatore Daich fino al 2025