Italy

Siviglia-Roma, poco gioco e una difesa ballerina: i giallorossi escono dall’Europa League strapazzati 2 a 0 dall’ex ds Monchi

Calcio

Siviglia-Roma, poco gioco e una difesa ballerina: i giallorossi escono dall’Europa League strapazzati 2 a 0 dall’ex ds Monchi

La squadra di Fonseca, nel giorno in cui è praticamente ufficiale il passaggio di proprietà da James Pallotta al Gruppo Friedkin, esce dalla competizione meritatamente, dopo una partita con poche idee e alcuni svarioni

Esce di scena Pallotta dalla Roma, esce di scena la Roma dall’Europa League. Nel giorno in cui, in casa giallorossa, le difficoltà, i contrasti e le distanze ormai insanabili del presente lasciano spazio al futuro con l’arrivo del Gruppo Friedkin, fa capolino anche il passato: è il Siviglia dell’ex Monchi ad eliminare la Roma dalla competizione europea.

Agli ottavi giocati a Duisburg in partita secca la spuntano gli andalusi dell’ex direttore sportivo giallorosso, quello che Pallotta definì “dono del cielo” quando lo portò a Roma strappandolo proprio agli spagnoli dopo le cinque Europa League vinte. Lo stesso a cui il presidente americano ha poi attribuito campagne acquisti esose e fallimentari.

Gli uomini di Lopetegui meritano di arrivare alle final eight: la Roma, che Fonseca aveva ritrovato e ricompattato nell’ultimo periodo con sette vittorie e un pareggio in otto partite, risente dell’addio di Smalling rientrato allo United dal prestito, e dietro balla. Il primo gol andaluso è un horror firmato da Bruno Peres e Pau Lopez, coppia peraltro non nuova a errori abbastanza clamorosi: su un banale cambio di fronte il brasiliano si fa prendere il tempo da Reguilon che accelera e a tu per tu con Lopez scarica un sinistro centrale e debole che però passa sotto le braccia del portiere. Una mancanza, quella di un portiere affidabile, che alla Roma dura da un po’, da quando Alisson, scovato da Sabatini, fu venduto per 70 milioni al Liverpool dal “dono del cielo” Monchi, conosciuto anche come “cassiere di Siviglia” in terra andalusa.

In ogni caso, la reazione giallorossa non arriva e allora il Siviglia raddoppia: su una palla rubata, forse con un fallo su Dzeko, Ocampos se ne va in contropiede, fa secco Ibanez e dà al centro per En-Nesyri che insacca da solo. Dopo un primo tempo anonimo, con Carles Perez e Pellegini dentro la Roma prova a riprenderla, ma poi la squadra di Lopetegui torna a controllare la gara, e fa anche il terzo gol, che però viene annullato dal Var per un fuorigioco quasi impercettibile.

Neppure i 7 minuti di recupero bastano ai giallorossi per accorciare almeno le distanze, ma solo per far espellere Mancini: finisce 2 a 0 per Los Palanganas che passano meritatamente e mandano a casa una brutta Roma. Era l’ultima gara della stagione per i giallorossi, che in Europa League ci rigiocheranno visto il quinto posto in campionato: ma non è il giorno degli “arrivederci”, alla prossima stagione ci sarà un’altra Roma.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

Josip Ilicic, cosa gli consiglierei se fossi il suo mental coach

next
meteo

Football news:

L'interesse di Barcellona per Isacco è aumentato dopo la nomina di Kuman. Larsson alta opinione sul giocatore (Mundo Seportivo)
Manuel Pellegrini: quando si gioca contro il Real Madrid e VAR - è troppo
PSV e Porto sono Interessati al centrocampo di Barcellona Puig. Egli non vuole lasciare il club
Puyol su Barcellona: se vogliamo vincere il campionato, dobbiamo parlare molto bene
Schalke ha licenziato Wagner. La squadra da gennaio non ha vinto la Bundesliga
Yakini su 3:4 con Inter: anche il pareggio sarebbe un risultato ingiusto considerando quanti momenti ha creato la Fiorentina
Ramos Pro 3:2 con Betis: L'arbitro ha fatto del suo meglio e non ha fatto nulla di intenzionale