KABUL - Diverse esplosioni hanno colpito una scuola nella capitale afgana Kabul sabato, uccidendo almeno 40 persone e ferendone altre dozzine, per lo più studenti, ha detto un alto funzionario del ministero dell'Interno. La maggior parte delle vittime erano studenti che uscivano dalla scuola Sayed ul Shuhada.

Kabul è in massima allerta da quando Washington ha annunciato lo scorso mese i piani per ritirare tutte le truppe statunitensi entro l'11 settembre, con i funzionari afgani che affermano che i talebani hanno intensificato gli attacchi in tutto il Paese. Nessun gruppo ha rivendicato l'attacco di sabato. Il portavoce di Taliban Zabihullah Mujahid ha negato il coinvolgimento del gruppo insorto e ha condannato l'incidente. Le esplosioni sono avvenute nella parte occidentale di Kabul, un quartiere abitato dalla comunità sciita che negli anni è stato spesso attaccato dai militanti dello Stato Islamico.

La scuola è un liceo comune per ragazze e ragazzi, che lavora su tre turni, il secondo dei quali è per studentesse, ha detto a Reuters Najiba Arian, portavoce del Ministero dell'Istruzione. I feriti sono per lo più studentesse, ha detto. "L'orrendo attacco nella zona di Dasht-i Barchi a Kabul, è un atto terroristico spregevole", ha detto su Twitter la missione dell'Unione europea in Afghanistan. "Mirare principalmente agli studenti di una scuola femminile rende questo un attacco al futuro dell'Afghanistan."