Italy

Superbonus e general contractor, il mercato non segue l’agenzia delle Entrate

Detrazione a rischio

Gli operatori andranno in direzione opposta a quella indicata dalla Dre Lombardia, che qualche giorno fa ha bocciato la detraibilità dei compensi

di Giuseppe Latour

12 aprile 2021

default onloading pic
(Adobe Stock)

«Ci sono contratti firmati, cantieri avviati che non si possono bloccare, impegni con i clienti. Bisogna procedere sulla strada che è stata imboccata». Con queste parole, il manager di un’importante utility attiva anche sul mercato del superbonus spiega perché i general contractor si muoveranno in direzione opposta a quella appena indicata qualche giorno fa dalla Dre Lombardia dell’agenzia delle Entrate.

La vicenda

Torniamo indietro di qualche giorno. La direzione regionale è intervenuta con un suo interpello su una questione che era sul tavolo da mesi, spiegando che il compenso del general contractor non può essere oggetto di detrazione nel quadro del superbonus. Un’impostazione che, se confermata in futuro, manderebbe all’aria lo schema seguito in centinaia di casi in tutto il Paese. Soprattutto da soggetti, come le grandi utility dell’energia, che stanno utilizzando la loro capacità organizzativa e di coordinamento per rendere fattibile un meccanismo complesso come quello del 110 per cento.

Le risposte dei general contractor

Come si muoveranno, adesso, i general contractor? «La premessa – spiega Mattia Sica, direttore area Energia di Utilitalia – è che la determinazione della Dre non crea un precedente valido per tutto il sistema. Poi, nel merito ritengo che la Dre faccia un’estremizzazione con la quale non concordo». Perché? «L’operatività del superbonus è molto complicata, per questo è essenziale che soggetti come i general contractor svolgano un ruolo di garanzia e monitoraggio degli interventi. Il loro compito è funzionale all’intervento, quindi la detraibilità è scontata».

Incontri allo studio

Un chiarimento, però, potrebbe essere utile: diversi interpelli di grandi società attive sul mercato del 110% sono già sul tavolo delle Entrate, così come richieste di incontro tra funzionari dell’amministrazione finanziaria e general contractor, per consentire a tutti di avere un quadro finalmente chiaro.

Cosa dicono Eni ed Enel

Così, da Eni gas e luce dicono di essere «in attesa di eventuali sviluppi e ulteriori approfondimenti da parte delle competenti funzioni anche a livello nazionale». Mentre da Enel X, la società del gruppo Enel che segue anche gli interventi su edifici nell’ambito del superbonus, spiegano che «noi non applichiamo oneri al committente per i nostri servizi di coordinamento nell’ambito del superbonus. Abbiamo solo voci di costo legate alla componente edile/impiantistica e ai servizi professionali. Quindi, non siamo toccati dall’interpello della Dre». Detto questo, «scoraggiare chi svolge un ruolo di facilitatore non è, in generale, un approccio corretto per sfruttare il 110 per cento. Un chiarimento, allora, sarebbe utile al mercato».

Football news:

Griezmann ha parlato con Hamilton e ha visitato i box Mercedes al Gran Premio di Spagna
Barcellona sente che Neymar l'ha usata. Ha detto che voleva tornare, ma ha esteso il contratto con il PSG (RAC1)
Obameyang-i fan Dell'Arsenal: volevano regalarti qualcosa di buono. Mi dispiace che non siamo riusciti
L'Atlético non ha perso al Camp Nou. L'infortunio di Busquets è un evento di svolta della partita (e una gara di campionato?)
Verratti ha danneggiato i legamenti del ginocchio durante L'allenamento del PSG. La partecipazione All'Euro è ancora in discussione
Il Contratto di Neymar in una foto. Mbappe vuole lo stesso
Il Manchester United vorrebbe firmare L'estate di Bellingham, non Sancho. Il Borussia Dortmund non ha intenzione di vendere Jude