Italy

Torino-Sampdoria 2-2, Meité firma la rimonta ma i granata recriminano. La squadra però è tutta con Giampaolo

A piccoli passi, troppo piccoli forse. Il Toro non va oltre il 2-2 con la Samp: appena sei punti in nove gare, e sabato c’è la Juve. Il bicchiere è mezzo pieno per i blucerchiati, perché il pessimo primo tempo poteva costare ben più caro dello svantaggio minimo (rete di Belotti sotto misura su assist da destra di Singo). Un approccio inaccettabile anche per Ranieri che (squalificato) dalla tribuna ha cacciato urla impressionanti verso i suoi. «Il riscaldamento è finito», il messaggio alla fine del primo tempo, con ordine al vice Benetti di cambiarne addirittura quattro nell’intervallo.

Il Toro, dal canto suo, non riesce mai a rimanere «connesso» per 90’. Domina a lungo con il 3-5-2, subisce il pareggio su uno sfortunato rimpallo (Candreva sfonda su «assist» di Rincon) e per un quarto d’ora circa gira a vuoto: smarrito, intimidito. Non a caso, nel frattempo arriva il 2-1 di Quagliarella... alla Quagliarella: palla dentro di Candreva e spettacolare destro al volo di Fabio. La reazione granata arriva subito dal campo (Zaza è fermato da uno strepitoso Audero), e al 26’ dalla panchina: dentro Verdi e Murru; squadra a quattro dietro e col trequartista a ridosso di Belotti e Zaza. Piovono occasioni, Audero è strepitoso su Meité, Verdi (impatto eccellente il suo) e Lyanco. Si arrende solo sul colpo di testa ravvicinato di Meité.

Ai punti, il verdetto è indiscutibile: meglio il Toro. Ma non siamo su un ring, e a Giampaolo resta in mano la posta minima. C’è ancora da lavorare parecchio sulla testa di una squadra che fatica a cancellare le scorie dell’ultima disastrosa stagione. Comunque incoraggiante l’atteggiamento dei giocatori: credono ciecamente nel proprio condottiero. E al di là della reazione finale di ieri con il «rombo», l’impressione è che valga la pena investire con decisione sul 3-5-2: la rosa garantisce solidità tattica e alternative importanti in tutti i ruoli con questo sistema.

Football news:

Luka Jović: è più facile comunicare con Hütter che con Zidane. Lo spagnolo non mi è stato dato, qui parlo inglese
PAOK affitta Baba al Chelsea
In APL stanno cercando di vietare abbracci sul campo. Invano-aumentano la coesione della squadra a livello biologico, aiutano a leggere la paura del nemico
Kuman about Puyola: questi giocatori mancheranno sempre. È stato carismatico e responsabile
Obameyang salterà la partita contro il Southampton per motivi familiari
Koeman prima Rayo: Coppa - scorciatoia per il trofeo, ma a causa della retrocessione del Real madrid e l'Atletico non è diventato più facile
Messi e la sua famiglia prendono lezioni di francese. Perche 'insegnargli a trasferirsi in citta'? Il giornalista Canal + sull'attaccante nel PSG