Italy

Uefa 'fino a 30% spettatori', ma ultima parola a Stati

La Uefa apre le porte degli stadi agli spettatori, ma in linea teorica: l'ultima parola per le partite di Champions, Europa League e Nations League spetteranno infatti alle autorita' competenti dei singoli stati. L'annuncio e' stato dato dalla confederazione europea a ridosso del sorteggio Champions: "Sara' consentito l'ingresso del pubblico fino al 30% della capienza dei singoli impianti", ha detto Uefa specificando che la decisione fa seguito all'esperimento positivo della Supercoppa tra Bayern e Siviglia a Budapest, alla quale hanno assistito poco piu' di 15 mila spettatori.

La Uefa ha ammesso di esser consapevole che diverse nazioni continueranno a scegliere la via delle porte chiuse o di limiti ancora piu' bassi, e in ogni caso sara' vietata la trasferta di tifosi. "La decisione di oggi - ha detto il presidente Uefa, Ceferin - e' un primo passo che mette al primo posto la salute dei tifosi e il rispetto delle leggi di ciascuno paese. Affrontiamo un nemico comune, ma ciascun paese ha situazione diverse e approcci diversi: questa nuova norma consente maggior flessibilità". Secondo l'Uefa, al momento sono 27 i paesi europei affiliati che consentono l'accesso del pubblico negli stadi.
   

Football news:

Lopetegui pro 0:0 con il Chelsea: Siviglia ha mostrato un buon gioco di squadra
Rashford sulla vittoria contro il PSG: il Manchester United ha ora una forte posizione nel gruppo
Nagelsmann sulla vittoria contro L'Istanbul: non è completamente soddisfatto del gioco di Lipsia - è stata la stanchezza, non la pressione più efficace
Il portiere di Bruges Horvath su 2:1 con Zenit: hanno dimostrato che non dovremmo considerarci estranei noti del gruppo
Il Manchester United Ha Vinto di nuovo a Parigi con un gol in ritardo di Rashford. L'eroe inaspettato è un riservista di 22 anni che non era sul campo da dicembre 2019
Jürgen Klopp: prima Oliver non ha visto il momento, poi VAR ha dimenticato le regole. E le conseguenze venuto solo per van Dyck e Thiago
Favre sulla sconfitta dalla Lazio: il Borussia mancava di determinazione. L'allenatore del Borussia Dortmund Lucien Favre ha parlato della sconfitta contro la Lazio