Italy

Un corteo in centro a Trieste per solidarietà col popolo afghano

Circa 300 persone hanno sfilato con l’Ics da piazza Sant’Antonio a piazza Oberdan

TRIESTE Circa 300 persone hanno partecipato alla manifestazione di solidarietà verso il popolo afgano, stringendosi attorno alla comunità che vive a Trieste. Partiti da piazza sant’Antonio Nuovo, i presenti hanno formato un corteo che si è snodato in alcune vie del centro, per raggiungere infine piazza Oberdan, esponendo, lungo il percorso, una grande bandiera con i colori verde, rosso e nero dell’Afghanistan, e numerosi cartelli che richiedevano il sostegno dell’Occidente.

In 300 sfilano a Trieste per solidarietà col popolo afghano

Promosso dal Consorzio italiano di solidarietà (Ics), l’appuntamento ha visto l’adesione di Acli, Luna e l'altra, Fondazione Luchetta, Articolo 21, Cgil, Casa internazionale delle donne, Camminare insieme, Anpi provinciale di Trieste, Comitato per la pace Danilo Dolci, Senza confini/brez meje, Amnesty international. Giunti davanti al palazzo della Regione, i manifestanti si sono schierati a semicerchio. Ha preso quindi la parola Gianfranco Schiavone, presidente dell’Ics, che ha dapprima severamente condannato «l’atteggiamento degli Stati Uniti e di tutti i paesi occidentali che si sono sottratti al loro dovere, abbandonando l’Afghanistan, costringendo quella popolazione in una situazione di una inaudita gravità e pericolo, di cui non si conoscono precedenti, in cui sono costantemente violate le più elementari norme della convivenza civile». «Abbiamo il dovere di aiutare i profughi che scappano da quelle terre – ha aggiunto Schiavone – che hanno diritto a essere soccorsi. L’accoglienza è un dovere e in questo pure l’Italia sta venendo meno ai propri principi». Schiavone si è riferito alla situazione locale, ricordando che «a Trieste si sentono discorsi che esprimono violenza e totale negazione della solidarietà verso le popolazioni che soffrono». 

Football news:

La timeline del tormento di Kuman: risultati terribili, scontri con Laporta, attacco di fan e licenziamento. Ora Barcellona vuole Xavi
Salihamijic Pro 0:5 con il Borussia Dortmund: l'annebbiamento collettivo del Bayern che non possiamo spiegare
Il Barcellona vuole nominare Javi dopo le dimissioni di Kuman
💣 ÂБарсеĞона увоĞиĞĞ° Кумана
Il Barcellona annuncerà presto le dimissioni di Kuman
I capi del Barcellona si riuniranno stasera per discutere del futuro di Kuman (Cope)
Allenatore Dell'Inter circa 2-0 con Empoli: peccato che Lautaro non abbia segnato, ma si prende cura dei gol per le prossime partite