This article was added by the user . TheWorldNews is not responsible for the content of the platform.

Uomini e Donne, l’onorevole Del Monaco chiede la chiusura: “Deride le donne e incita alla violenza”

Raggiunto da Fanpage.it il deputato Antonio Del Monaco conferma di aver presentato un esposto in Procura contro Uomini e Donne: “Denuncio la violenza verbale e fisica che lo caratterizza”.

Un esposto presentato in Procura contro Uomini e Donne, per denunciare e chiedere con vigore la chiusura del programma di Maria De Filippi. Succede che l’onorevole Antonio Del Monaco, deputato del Movimento 5 Stelle, faccia recapitare l’esposto presso la Procura del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere (Caserta), alla vigilia della giornata contro la violenza sulle donne. Lo conferma l’onorevole stesso, raggiunto telefonicamente da Fanpage.it.

"Donne alla berlina, offese e derise"

L'onorevole Del Monaco conferma di aver sporto denuncia verso il programma di Maria De Filippi, chiedendo che venga chiuso il prima possibile, o per lo meno che vengano rivalutati interamente i meccanismi che lo strutturano. Nel documento, presentato alla stazione dei carabinieri di Maddaloni (Caserta) il 24 novembre 2021 e visionato da Fanpage.it, il deputato chiede con vigore che vengano presi provvedimenti in sede di giustizia contro uno degli show più visti della tv degli ultimi anni: "Io denuncio apertamente questo programma; denuncio la violenza verbale e fisica che lo caratterizza", scrive con vigore Del Monaco. "Alla vigilia della giornata contro la violenza sulla donne, non è possibile accettare un programma che mette in mostra simili comportamenti: donne derise, messe alla berlina e offese", si legge nell'esposto.

"Un pullulare di umanità che rasenta il ridicolo"

Nel lungo testo scritto dal pugno dell'onorevole vengono fatti presente i motivi per cui un programma di questo genere sarebbe diseducativo e dovrebbe dunque essere bannato al più presto. Non solo mette in scena rapporti disfunzionali tra uomo e donna, portando uno dei due ad essere considerato "oggetto" dall'altro, che decide se dargli o meno la parola ed eventualmente rispedirlo a casa senza che abbia nemmeno aperto bocca, ma crea anche un'agitazione tale da incitare la violenza "verbale e non solo nei confronti delle donne", spiega Del Monaco. “Un pullulare di umanità che rasenta il ridicolo, piena di sé, tra urla, commenti volgari, accuse infamanti e nemmeno un briciolo di etica! O di amor proprio, oserei dire". Insomma, a suo dire uno spettacolo "vergognoso che si palesa davanti agli occhi dello spettatore".