Italy

Uomo tradisce la fidanzata, ma arriva una telefonata: “Conosci Roberto?”

Gelosie e tradimenti: due mostri che portano spesso alla fine di una storia. Come nel caso di Giulia e Roberto, insieme da 8 anni. Ma per loro non era previsto un lieto fine…

Giulia e Roberto erano fidanzati da 8 anni. Una storia tipica, nata tra i banchi di scuola e proseguita anche dopo, in età adulta. Credevo che l’avrei sposato a un certo punto della mia vita – ha raccontato Giulia, tempo dopo – proprio perché facevamo questo tipo di progetti, gli avevo dato una spinta a cercare lavoro“. Giulia, infatti, aveva finalmente conquistato un impiego fisso come segretaria in uno studio, mentre Roberto non riusciva a trovar lavoro, passando da un impiego precario all’altro.

Così, quando finalmente si è presentata l’opportunità di un ingaggio estivo, per guadagnare almeno nella bella stagione, Giulia ha scelto di appoggiare il compagno in quest’avventura. Si trattava di trascorrere 3 mesi in un villaggio turistico nella riviera ligure, lavorando come animatore. Nonostante fosse sempre stata lei la più gelosa tra i due, in quella situazione aveva deciso di compiere un atto di fiducia e spronare il compagno, provando a fidarsi. La promessa era quella di andarlo a trovare al villaggio il più possibile.

Il villaggio turistico: la strana litigata

Una volta andata a trovare il suo fidanzato nel villaggio turistico, Giulia ha notato subito qualcosa di strano. Il lavoro consisteva sì nel fare l’animatore durante la giornata, ma Roberto ricopriva anche il ruolo da pr per le serate in discoteca, fino all’alba. Una situazione che, in qualche modo, lei aveva trovato perfino divertente: molti amici, movida e spensieratezza nel pieno del ritmo estivo. Eppure, una sera, Giulia aveva visto da lontano Roberto litigare con una sua collega. Una scena che aveva preferito non approfondire per non peccare di gelosia e, soprattutto, per evitare discussioni.

La telefonata inaspettata

Finché Giulia non ha ricevuto la telefonata che ha cambiato ogni cosa. “Agli inizi di settembre, poco prima che lui tornasse a casa, ricevo la chiamata da una donna che mi chiede se conosco Riccardo. “Devo dirti la verità” ha esordito l’altra donna al telefono, spiegando che da un paio di mesi era l’amante di Riccardo… Inconsapevolmente. La ragazza, infatti, aveva scoperto solo da pochi giorni, leggendo i messaggi sul suo cellulare, che in realtà lui aveva già una fidanzata.

“Io resto in silenzio – ha proseguito a raccontare Giulia – mentre lei va avanti a spiattellarmi i particolari di come si sono conosciuti. Mi dice che tra loro la storia andava bene fino a quando non le ha confessato di essersi innamorato di un’altra e lei voleva riprenderselo ma poi, spiando sul cellulare, aveva trovato me. Mi sembrava di essere stata catapultata in un film. Ero scioccata. Non parlavo. Rispondevo a monosillabi, le ho chiuso il telefono in faccia. Pochi minuti dopo, quando mi sono ripresa dallo shock, ho chiamato Riccardo. Gli ho raccontato della telefonata e lui sembrava più incredulo di me. Ha negato tutto e mi ha rassicurata che sarebbe tornato presto”.

Ma c’era ben poco da negare: quella telefonata, e quel “conosci Riccardo?” che le aveva gelato il sangue, è rimasto come un tarlo nella testa di Giulia. Che ha deciso di chiudere per sempre la storia con il suo compagno, cosciente che, forse, quella mancanza di fiducia che aveva sempre avuto nei suoi confronti… Aveva ragione d’esistere.

Football news:

Berg sul futuro: mi piace a Krasnodar. Posso fare bene alla squadra
Il presidente di Lione sul completamento della stagione di League 1 sullo sfondo di un riavvio della Liga: siamo davvero stupidi
I giocatori di Serie A contro l'inizio delle partite alle 16:30 di giugno e luglio a causa del caldo
Aliyev about Dinamo Kiev in Coppa UEFA 2009: non ha raggiunto la finale a causa Dell'errore di Semin. Ha tolto Banguru dal campo
Il Barcellona può scambiare il difensore Mbuambu con l'ala della Juve Sena. Hanno 18 anni
Il Manchester United ha negato il rinnovo del contratto di locazione di Igalo prima della fine della stagione. Il Giocatore deve tornare a Shanghai
Levchenko sulla Cena in un ristorante di Amsterdam: i piatti si mettono su un vassoio, la distanza con il cameriere - 1,5 m^.Il capo del Sindacato dei calciatori professionisti dei Paesi Bassi Eugene Levchenko ha parlato di una visita con la moglie in uno dei ristoranti di Amsterdam sullo sfondo di restrizioni a causa di una pandemia di coronavirus