Italy

Usa: 260 mila morti su 12 milioni e mezzo  di contagiati. 130mila nuovi casi in 24 ore

I casi di Covid nel mondo hanno superato i 59 milioni, secondo i dati diffusi dalla Johns Hopkins University, mentre i decessi confermati sono 1.399.782 dall’inizio della pandemia. E anche in Italia i contagi continuano a salire: l’ultimo bilancio, relativo al 24 novembre, è di 23.232 nuovi casi e 853 morti (qui il bollettino con i dati e qui tutti i bollettini che mostrano la situazione dall’inizio della pandemia. Qui la mappa del contagio, e qui la newsletter con gli approfondimenti)

Ore 23.35 - Vaccino Pfizer, distribuzione Usa entro 24h da ok Fda
«Se tutto va bene inizieremo a distribuire il primo vaccino contro la Covid-19 subito dopo il 10 dicembre, e riteniamo di poterlo portare in tutte e 64 le giurisdizioni dei vari Stati Usa autorizzate entro 24 ore dalla approvazione della Fda. A quel punto dovremmo essere in grado di iniziare a somministrarlo». Per la prima volta oggi, il ministro della Sanità Usa, Alex Azar, ha snocciolato date e dati sulla prima immunizzazione con tutta probabilità in arrivo contro il Sars-Cov-2: il 10 dicembre dovrebbe tenersi infatti l’incontro del comitato di esperti della Food and drug administration (Fda), che deciderà se dare parere favorevole alla autorizzazione di emergenza del prodotto della Pfizer e BioNtech. Il vaccino - secondo dati dell’azienda - è risultato efficace al 95%. `Uno dei nostri partner nel settore privato - ha aggiunto Azar riferendosi alla catena di farmacie CVS - ha già garantito che entro le prime 48 ore dalla approvazione, il vaccino sarà portato nelle case di riposo per anziani.


Gli Stati Uniti restano di gran lunga il paese più colpito dalla pandemia di coronavirus al mondo, con almeno 259.045 morti su 12.518.916 contagiati, secondo il conteggio effettuato dalla Johns Hopkins University. Lo riporta l’emittente «Cnbc». Nelle ultime 24 ore si registrano oltre 130 mila nuovi casi, e oltre duemila morti. L’Ohio sta affrontando un aumento esponenziale dei casi di coronavirus e dei ricoveri ospedalieri che sta mettendo in crisi i sistemi ospedalieri dello Stato. Più di 4.300 persone sono attualmente ricoverate in ospedale in tutto lo stato con sintomi di Covid-19, tra cui 1.079 pazienti in terapia intensiva. Gli Stati comunque avranno l’ultima parola su come dare priorità a chi ottiene le prime dosi di qualsiasi vaccino contro il coronavirus. Lo ha detto oggi l’attuale segretario della salute e dei servizi umani nell’amministrazione Trump, Alex Azar. A livello globale si contano oltre 1,4 milioni di morti su oltre 59,5 milioni di contagiati.

Ore 20.47 - Scuola: Speranza, il possibile per riaprire a dicembre
«Faremo il possibile per riaprire le scuole in dicembre, dobbiamo vedere il quadro epidemiologico, valutandolo giorno per giorno. Le scuole sono e restano una priorità assoluta per il governo». Lo ha detto il ministro della salute Roberto Speranza intervenendo alla trasmissione di La7 condotta da Floris, Di martedi. «Valutazioni in questo senso - ha concluso Speranza - sono previste nei prossimi giorni.

Ore 20.38 - Il coprifuoco alle 22 vale anche per la Messa di Natale
Il coprifuoco alle 22 vale anche per la Messa di Natale: lo ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza, nella trasmissione Di Martedì. «Il messaggio - ha detto - è ridurre tutte le occasioni in cui il virus si può diffondere. Il coprifuoco dopo le 22 c’è anche per la messa. Una valutazione sarà comunque fatta nei prossimi giorni.

Ore 20.34 - Macron: impossibile sci a Natale, guardiamo a gennaio
«È impossibile prevedere un’apertura per le vacanze», lo ha dichiarato il presidente francese, Emanuel Macron, in riferimento agli impianti sciistici francesi. «Molto meglio favorire una riapertura a gennaio in buone condizioni», ha aggiunto.

Ore 20.00 - Anche la Francia supera le 50 mila vittime
Anche la Francia, dopo l’Italia, ha superato la soglia delle 50.000 vittime di Covid-19. Secondo i dati di Sante’ Publique, con 454 decessi negli ospedali e il cumulo di 4 giorni di morti in case di riposo e istituti per disabili (551), oggi si è raggiunta la cifra di 50.237 morti dall’inizio della pandemia.

Ore 19.35 - Fonti Palazzo Chigi: Conte negativo. Tosse per corde vocali
In merito alle ipotesi sullo stato di salute del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, circolate successivamente alla sua partecipazione alla trasmissione Otto e Mezzo, si precisa che il Presidente da qualche anno ha una sofferenza alle corde vocali, che si acuisce nel periodo invernale, e che non di rado gli provoca tosse. Lo si apprende da fonti della Presidenza del Consiglio. «Si aggiunge, inoltre, che questa mattina il Presidente Conte si è sottoposto a un tampone molecolare, in vista della sua partecipazione al vertice italo-spagnolo fissato per domani a Palma di Maiorca. Il test ha dato esito negativo», viene riferito.

Ore 19.09- Ema pubblicherà tutti dati su vaccini autorizzati
«Subito dopo l’autorizzazione del vaccino o dei vaccini, Ema pubblicherà tutti i dati che saranno serviti a prendere la decisione e chiunque potrà attraverso il sito avere tutti i dati, con la massima trasparenza». Così Guido Rasi, ex direttore generale Agenzia europea del farmaco (Ema), risponde in merito alle trasparenza dei dati sui vaccini contro il Covid.

Ore 18.30 - Sci, Schwarz positivo al Covid
Lo slalomista austriaco Marco Schwarz è stato trovato positivo al covid ed è stato messo in quarantena. L’atleta, ha fatto sapere la Federsci austriaca, disertera’ così il gigante parallelo di coppa del mondo in programma venerdì prossimo a Lech.

Ore 18.25 - Morto 14enne in Emilia Romagna, gravi patologie pregresse
Aveva 14 anni il ragazzino morto a Modena, positivo al Coronavirus. Era un adolescente con una serie di patologie gravi e pregresse. Si tratta della persona positiva più giovane deceduta in Emilia-Romagna dall’inizio della pandemia.

Ore 17.50- Locatelli: «Falso che in Italia non sia pronta per vaccini»
«È falso che il paese non si stia organizzando per la vaccinazione anti Covid, niente di più falso. Al contrario si sta lavorando in maniera intensiva su come sviluppare il piano per la vaccinazione anti convid nel minore tempo possibile. Lo sforzo lo stiamo facendo per creare la strategia per uscire dalla pandemia. Ci sarà poi bisogno di uno stretto rapporto tra Governo e Regioni». Il Paese deve essere consapevole che si sta lavorando». Lo ha detto Franco Locatelli nel corso della conferenza stampa al ministero della salute.

Ore 17.30 - Rezza: Oggi in Italia 23.232 casi e 853 decessi, il dato più alto della seconda ondata
«Oggi si registrano 23.232 casi, in leggero aumento rispetto a ieri ma con 40mila tamponi in più. Purtroppo accompagnati da 853 decessi, il dato più alto della seconda ondata». Lo ha detto il Direttore Generale della Prevenzione del Ministero della Salute, Gianni Rezza, al punto stampa al ministero sull’analisi della situazione epidemiologica. (Qui il bollettino completo di oggi 24 novembre)
«Oggi è diminuita la proporzione di positivi sul totale dei tampon (188.659). Come sappiamo anche quando tendono a diminuire i nuovi casi grazie all’impatto delle misure prese gli indicatori che calano per ultimi sono proprio quelli relativi al sovraccarico delle terapie intensive e al numero dei decessi (853 oggi). C’è cauto ottimismo perché diminuiscono i positivi, controbilanciato da questi numeri sui decessi, sappiamo che gli effetti di questa lunga scia si vedranno per diverso tempo».

17.02 - A Piacenza il virus non rallenta: casi aumento del 18% in 7 giorni
Negli ultimi sette giorni - dal 16 al 22 novembre - l’andamento del Covid in provincia di Piacenza ha deluso le aspettative di un appiattimento della curva epidemica. Ed è aumentato in controtendenza rispetto ai dati regionali e nazionali. Si sono registrati infatti 1.555 nuovi casi positivi con un aumento del 18% rispetto alla settimana precedente. Una percentuale superiore a quello dell’Emilia-Romagna (+0,6%) e antitetico alla situazione italiana, dove i contagi sono diminuiti del 5,4%. «Ci aspettavamo un’inversione di tendenza, ma i dati sono sostanzialmente comparabili con quelli della Lombardia (ad oggi ancora in zona rossa, ndr)», ammette il direttore generale dell’Ausl Luca Baldino. Che non ravvisa però criticità particolari nella tenuta del sistema sanitario provinciale.

Ore 16.45 - La Gran Bretagna riaprirà stadi, Klopp «ma 2mila tifosi sono pochi»
Juergen Klopp e Pep Guardiola plaudono alla decisione del governo britannico di consentire ai tifosi un graduale ritorno negli stadi, a partire dal 2 dicembre, ma il tecnico del Liverpool ha espresso dubbi sulla logica legata ai numeri del provvedimento e nella conferenza stampa per il match di Champions con l’Atalanta ha dichiarato: «Non capisco perché siano ammesse solo duemila persone in uno stadio da 60.000. È comunque una buona notizia, un buon segno», ha detto invece Guardiola ». Il presidente della Football League inglese, Rick Parry, ha detto alla Bbc che sperava di riavere i tifosi in numero più consistente, ma quello annunciato è un «inizio gradito».

Ore 16.10 - 300 punti per distribuzione vaccino Pfizer in Italia
Sono 300 i punti in tutta Italia in cui saranno distribuite le prime 3,4 milioni di dosi del vaccino della Pfizer che dalla fine di gennaio dovrebbero consentire di vaccinare 1,7 milioni di italiani. Secondo quanto apprende l’agenzia Ansa, l’elenco è stato inviato da tutte le regioni al Commissario per l’Emergenza Domenico Arcuri in queste ore e comprende sia le strutture ospedaliere in grado di conservare e somministrare il vaccino sia le Rsa, che verranno servite attraverso le unità mobili.
Silvestri: «Nessun azzardo, il vaccino è sicuro ed efficace»

Ore 16.09 - «Un errore di dosi», così il vaccino Oxford ha raggiunto il 90% di efficacia
Mene Pangalos, vicepresidente esecutivo della ricerca e sviluppo di prodotti biofarmaceutici di AstraZeneca la chiama «serendipity», una fortunata casualità. Si riferisce a un errore di dosaggio che avrebbe permesso al vaccino Oxford-Irbm contro Covid-19 di raggiungere l’efficacia al 90% documentata dagli ultimi dati resi noti ieri. L’aneddoto è rimbalzato sulla stampa internazionale e svela il retroscena di come si è arrivati a scoprire la dose ottimale per uno dei candidati vaccini. Secondo quanto comunicato dai ricercatori il regime a due dosi complete ha mostrato un’efficacia del 62%. Ma nei partecipanti al trial ai quali è stata data «per sbaglio» prima una dose dimezzata e poi una intera come seconda somministrazione, questa efficacia ha raggiunto quota 90%.

Ore 15.50 - Cina, ministero degli Esteri: Noi disposti a collaborare con Oms per il tracciamento del virus alle sue origini
La Cina è disposta ad accogliere esperti dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) e a collaborare per individuare l’origine del coronavirus. Lo ha dichiarato oggi il portavoce del ministero degli Esteri cinese, Zhao Lijian, confermando quanto affermato ieri dal direttore esecutivo del Programma per le emergenze sanitarie dell’Oms, Mike Ryan, sulle rassicurazioni ricevute da Pechino in merito a un viaggio che sarà organizzato il prima possibile per localizzare le origini del virus che ha causato la pandemia di Covid-19. Il virus è stato identificato per la prima volta nella città centrale cinese di Wuhan lo scorso dicembre, spingendo il presidente degli Stati Uniti Donald Trump a etichettarlo come la «piaga cinese» e ad accusare l’Oms di tenere un approccio favorevole nei confronti di Pechino.
Qui la mappa del contagio nel mondo e l’origine dell’epidemia

Ore 15.34 - Austria, Niente sci a natale? Solo se l’Europa risarcirà l’80 per cento dei proventi
«Se l’Unione Europea vuole veramente pesare alle restrizioni per la stagione sciistica, dovrà assicurare l’80 per cento dei proventi, in linea con quanto prevede lo Stato austriaco in termini di risarcimenti agli esercizi commerciali chiusi». Lo ha detto il ministro delle finanze austriaco, Gernot Bluemel , in merito all’apertura della stagione sciistica invernale in Austria. La dichiarazione segue quella della ministra del turismo austriaca Elisabeth Koestinger che si detta contraria alla richiesta dell’Italia di chiudere gli impianti sciistici a causa dell’emergenza coronavirus. «Le vacanze invernali in Austria saranno sicure, le nostre aziende dispongono già di concetti di sicurezza completi per le vacanze sugli sci».

Ore 15.15 - Bando per l’acquisto di 100 milioni di siringhe per il vaccino
Il Commissario per l’emergenza Domenico Arcuri ha avviato il bando per l’acquisto di oltre 100 milioni di siringhe per la somministrazione del vaccino anti Covid. Le aziende avranno 15 giorni di tempo dalla pubblicazione della richiesta per presentare le offerte e a quel punto si procederà alla selezione. Il bando, sottolineano gli uffici del Commissario, è stato avviato «nelle more del completamento della procedura di “joint procurement” a cura della Commissione europea, per reperire sul mercato tutti i prodotti necessari per la campagna di vaccinazione anti-Covid». Il Commissario ha anche bandito la procedura per l’acquisto di oltre 5 milioni di fiale di diluente salino, necessario alla somministrazione di alcune tipologie di vaccino.

Ore 14.11 - Von der Leyen, 800 milioni euro per vaccini per Paesi poveri «Vogliamo garantire che tutti abbiano accesso ai vaccini, ovunque nel mondo. Questo è il motivo per cui da maggio abbiamo raccolto quasi 16 miliardi di euro per test, trattamenti e vaccini contro il coronavirus in tutto il mondo». Lo ha detto la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen. «In qualità di Team Europe, abbiamo contribuito con quasi 800 milioni di euro alla Covax Facility. L'obiettivo è garantire vaccini per i Paesi a basso e medio reddito», ha aggiunto.

Ore 14.09 - Conte: «Ottimo scambio con Von der Leyen,


misure comuni su Natale»
«Ottimo scambio di vedute oggi con Ursula von der Leyen su Global Health Summit in collegamento con il G20, coordinamento europeo delle misure sanitarie sul Covid in occasione del periodo natalizio, un'azione europea più efficace sul tema migrazione con i Paesi extra Ue, e su Brexit». Così su Twitter il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte.

Ore 14.05 - Usa, ieri 169.190 casi, nuovo record con 85.836 ricoverati


Ieri gli Stati Uniti hanno registrato 169.190 nuovi casi di Covid e un numero senza precedenti di ricoverati per il quattordicesimo giorno consecutivo. Il numero dei contagiati, secondo i dati della Johns Hopkins University, è comunque inferiore rispetto ai massimi di venerdì scorso, quando erano stati registrati 196.004 casi; in tutto, i casi registrati sono oltre 12,4 milioni. Ieri, sono morte 889 persone, per un totale di 257.701.

Ore 14 - In Italia sono 216 i medici morti dall'inizio della pandemia. Anelli: «Fermare la strage degli innocenti»
Sono saliti a 216 i medici morti in Italia dall'inizio dell'epidemia di Covid-19. L'ortopedico Cosimo Russo e i medici di medicina generale Roberto Ciafrone, Antonio Amente e Daniele Cagnacci sono i 4 nomi nuovi inseriti nell’«elenco caduti» aggiornato dalla Fnomceo, Federazione nazionale Ordini dei medici chirurghi e odontoiatri. «Negli ultimi 10 giorni sono morti per Covid 27 medici, quasi 3 al giorno: bisogna fermare la strage degli innocenti, ne va di tutto il Servizio sanitario nazionale. Anche in questa seconda ondata è la medicina generale a pagare il prezzo più alto. È evidente che a livello organizzativo qualcosa non sta funzionando», ha detto l presidente della Federazione degli ordini dei medici (Fnomceo) Filippo Anelli (qui l' elenco delle loro storie).

Ore 13.54 - Ippolito, forse 11 dicembre ok da Fda a vaccino Moderna


Potrebbe arrivare l'11 dicembre l'approvazione al vaccino anti-Covid dell'azienda Usa Moderna da parte dell'ente regolatorio per i farmaci statunitense Fda. Lo afferma il direttore scientifico dell'Istituto Spallanzani Giuseppe Ippolito. La riunione del comitato vaccini Fda per la valutazione del siero di Moderna è infatti fissata, rileva Ippolito, proprio per l'11 dicembre. Se ci sarà l'approvazione, «dal giorno successivo, e cioè dal 12 dicembre - spiega - potrà essere avviata la macchina per il piano di vaccinazione in Usa».

Ore 13.47 - Foto volti infermieri Prato su tute sanitari


Le foto dei volti degli infermieri dell'ospedale di Prato sono tornate a comparire sui loro camici e sulle loro tute, quelle indossate ogni giorno per proteggersi dal contagio. Come nel corso della prima ondata della scorsa primavera, dunque, molti degli operatori sanitari dell'ospedale Santo Stefano di Prato indossano una stampa della foto del loro volto: la necessità di far sentire ai pazienti la propria vicinanza si è trasformata nella volontà degli operatori di mostrare il viso, sempre nascosto dai dispositivi di sicurezza. Visiere, mascherine, occhiali, che evidentemente mettono a disagio chi tra i malati si trova già in una condizione psicologicamente difficile. «Nel nostro reparto di terapia intensiva arrivano i pazienti più gravi: nei loro sguardi c'è la paura, la solitudine, la sofferenza. Tutto il team degli infermieri ha cercato così di trovare un sistema per comunicare con gli ammalati ed essergli più vicini», spiegava a maggio Beatrice Bettazzi, coordinatrice infermieristica dell'ospedale, parlando dell'iniziativa. Negli ultimi giorni, gli infermieri pratesi hanno ripreso questa abitudine. Una fotografia pubblicata oggi dal presidente della Toscana Eugenio Giani su Facebook li ritrae nuovamente con i camici «personalizzati».

Ore 13.05 - L’Alto Adige revoca il lockdown totale
Dopo lo screening di massa l’Alto Adige revoca il lockdown totale, che andava oltre le misure previste per le zone rosse. «Lunedì 30 novembre riaprono i negozi, i mercati, come anche i parrucchieri ed estetisti. Riprende la didattica in presenza per la prima media», ha annunciato il governatore Arno Kompatscher. Il 4 dicembre, ha aggiunto, apriranno tutte le scuole, come anche bar e ristoranti. I dati epidemiologici sono in miglioramento e farà presa l’isolamento dei 3.400 asintomatici trovati con lo screening.


Ore 13.22 - In Veneto negozi a numero chiuso e regole per ristoranti
Negozi a numero chiuso e ristoranti con menù digitale o cartaceo monouso e senza buffet in Veneto. Sono alcune delle misure contenute nell'ordinanza della Regione in vigore da domani. «Dopo le tre del pomeriggio, non esiste mescita in piedi nei bar: tutti seduti dentro e fuori», ha detto in conferenza stampa il presidente Luca Zaia. Nei ristoranti è obbligatorio l'uso della mascherina in tutti gli spostamenti e l'uso dell'igienizzante per le mani. Previsto anche il distanziamento di almeno un metro fuori dai negozi dei clienti in attesa, con i gestori responsabili del controllo, spinti a dotarsi di contapersone.


Leggi anche - Zaia: Abbassare la mascherina solo lo stretto necessario per bere o mangiare

Ore 13 - Von der Leyen: domani contratto con Moderna per 160 milioni di dosi di vaccini alla Ue


La presidente della Commissione europea Ursula Von der Leyen ha siglato un accordo con la farmaceutica Moderna per 160 milioni di dosi del vaccino alla Ue e domani verrà siglato il contratto come annunciato dalla stessa presidente:. «Sono lieta di annunciare che domani approveremo un nuovo contratto con Moderna».

Ore 12.47 - Covid e povertà: Richieste di aiuto


alle mense francescane aumentate del 45 per cento

Sono oltre trecentomila i pasti caldi serviti dall’inizio dell’emergenza ad oggi nelle 15 mense francescane sostenute dal progetto solidale dell’Antoniano ”Operazione Pane”, il 45% in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. A renderlo noto è il direttore dell’Antoniano frate Giampaolo Cavalli. Le realtà francescane sostenute dall’iniziativa si trovano a Roma, Palermo, Catanzaro, La Spezia, Genova, Torino, Verona, Bologna, Pavia, Monza, Milano, Lonigo, Voghera e Baccanello. Beneficia della campagna solidale anche una realtà francescana ad Aleppo, in Siria. Attualmente distribuiscono quasi 36mila pasti ogni mese, circa 1.200 al giorno. «Le persone che si rivolgono alle strutture francescane sono in netto aumento - spiega Cavalli - questa situazione di grande emergenza sta anche mettendo in difficoltà tante famiglie». Per garantire un pasto caldo e un aiuto concreto l’Antoniano ha lanciato una campagna sms solidale attiva fino al 19 dicembre. Per offrire un contributo basta inviare un sms o fare una telefonata da rete fissa al numero 45588.

Ore 12.29 - Federalberghi: Sul tema delle vacanze


sulla neve serve una posizione europea

«Chiudere una stazione sciistica a Natale è come chiudere un albergo al mare a Ferragosto, non voglio entrare nel tema dei protocolli sanitari che non mi competono ma dico solo che, se questa scelta ci deve essere, deve essere europea». Il presidente di Federalberghi Bernabò Bocca commenta le frasi del premier Giuseppe Conte secondo cui «non possiamo concederci vacanze indiscriminate sulla neve». «È importante - ribadisce Bocca - che sia una scelta europea perché se i paesi attorno a noi, Austria, svizzera, Francia e Germania tengono tutto aperto, mentre noi siamo tutti chiusi, si capisce subito che significa regalare turisti italiani agli altri paesi. Inaccettabile, per di più in questo momento di crisi nera».

Ore 11.37 - Istat, Donne più colpite dalla crisi
causata dall’epidemia: 470mila occupate in meno

«Nel secondo trimestre del 2020 si contano 470mila donne occupate in meno rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente (323mila in meno tra quelle con contratto a tempo determinato)». Lo h a riferito Gian Carlo Blangiardo, presidente dell’Istat durante l’audizione alle commissioni Bilancio di Camera e Senato sulla manovra. Blangiardo ha spiegato inoltre che «il tasso di occupazione femminile 15-64 anni si attesta al 48,4%, contro il 66,6% di quello maschile, collocandoci al penultimo posto della graduatoria europea, appena sopra la Grecia». Il divario occupazionale italiano è preoccupante «nonostante il livello di istruzione femminile sia sensibilmente maggiore di quello maschile» ha sottolineato il presidente dell’Istat.

Ore 11.36 - Il Covid pesa su nuovi nati: nel 2021


scenderemo sotto i 400.000 secondo l’Istat
L’attuale crisi sanitaria ed economica legata alla pandemia potrebbe influire negativamente, oltre che sul numero decessi, anche sulla natalità. «È, infatti, legittimo ipotizzare che il clima di paura e incertezza e le crescenti difficoltà di natura materiale (legate a occupazione e reddito) generate dai recenti avvenimenti orienteranno negativamente le scelte di fecondità delle coppie italiane». Lo ha sottolineato il presidente dell’Istat, Gian Carlo Blangiardo, in audizione sulla manovra davanti alle Commissioni bilancio di Camera e Senato. «I 420 mila nati registrati in Italia nel 2019, che già rappresentano un minimo mai raggiunto in oltre 150 anni di unità nazionale, potrebbero scendere, secondo uno scenario Istat aggiornato sulla base delle tendenze più recenti, a circa 408 mila nel bilancio finale del corrente anno - recependo a dicembre un verosimile calo dei concepimenti nel mese di marzo - per poi ridursi ulteriormente a 393 mila nel 2021».

Ore 11.50 - Spagna: a Natate in non più di sei


Il Governo spagnolo ha messo a punto il piano per Natale e raccomanda incontri con non più di sei persone. Nei giorni della vigilia di Natale e di Capodanno, il 24 e il 31 dicembre, sarà in vigore il coprifuoco notturno, ma dalle 01.00 alle 6.00. Si raccomanda negli incontri familiari di limitare la partecipazione ai conviventi

Ore 11.21 - Il ministro Speranza: Rinnovate le misure restrittive per Basilicata, Liguria, Umbria e provincia autonoma di Bolzano


Il Ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato una nuova ordinanza con cui si rinnovano le misure restrittive relative alla Provincia autonoma di Bolzano, che resta zona rossa, e alle Regioni Basilicata, Liguria e Umbria che confermano la zona arancione. L’ordinanza è valida fino al 3 dicembre 2020, ferma restando la possibilità di nuova classificazione prevista dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 3 novembre 2020.

Ore 11.20 - Farmacisti ospedalieri: «Rischio di furti di vaccini, aumentare i controlli»
«Il valore economico, clinico e sociale dei vaccini», ancor più di quelli utili a contrastare una pandemia, «è così alto che potrebbe richiamare l’attenzione di soggetti della criminalità organizzata. Gli stessi che già negli anni scorsi si sono fatti protagonisti di furti in tante farmacie ospedaliere del nostro Paese. Non possiamo rischiare oggi di rivivere quelle situazioni inserite in un contesto ben più drammatico e diffuso, e per questo abbiamo deciso di alzare il livello di attenzione di tutto il sistema per non farci trovare impreparati». Lo afferma Arturo Cavaliere, presidente della Società italiana di farmacia ospedaliera e dei servizi farmaceutici delle aziende sanitarie (Sifo), ente che in una nota lancia un Sos sul rischio furti per gli attesi prodotti-scudo contro Covid-19.

Ore 11.06 - Calabria, Tar: «Le scuole restano chiuse se lo decidono i sindaci»
L’ufficio stampa della Giustizia amministrativa, in una nota, «precisa che con il decreto n. 609/2020, depositato ieri, il Tar Calabria ha sospeso l’ordinanza regionale del 14 novembre 2020 con la quale era stata vietata la didattica in presenza nelle scuole di ogni ordine e grado». Ma la sospensione decisa ieri dal Tar riguarda un atto regionale e non ha effetto su eventuali orfinaze disposte dai sindaci. Si legge infatti nella nota che la sentenza «riguarda ovviamente la sola parte dell’ordinanza con la quale il divieto è disposto. Si precisa anche che il contenzioso deciso con il decreto cautelare del Tar è stato sollevato da un gruppo di genitori con riguardo alla sola ordinanza regionale, e non ha effetto su altre ordinanze (per esempio comunali) con le quali - a quanto si apprende dalla stampa - alcuni sindaci di comuni calabresi hanno autonomamente provveduto a vietare la didattica in presenza sul territorio comunale, poiché da nessuno impugnate».

Ore 10.18 - Francia, Stasera Macron in tv annuncia “alleggerimento” del lockdown
«Non è una riapertura, è un alleggerimento del lockdown»: questo è il ritornello fra i ministri, che hanno moltiplicato in queste ore le riunioni e che questa mattina - a poche ore dal ritorno di Emmanuel Macron in diretta tv alle 20 con un discorso ai francesi - sono di nuovo all’Eliseo per l’ultimo Consiglio di difesa. Il presidente deve annunciare le modalità di un alleggerimento delle misure del lockdown, un percorso «a tappe» e «graduale» che dovrà condurre alle feste di Natale e Capodanno. Un periodo festivo che - nei timori del primo ministro Jean Castex - rischia di essere «una fabbrica di Covid».

Ore 10.07 - Conte riunisce capi delegazione su manovra e Covid
È in corso, a quanto si apprende, una riunione del premier Giuseppe Conte con i capi delegazione di maggioranza e i ministri Roberto Gualtieri, Luigi Di Maio, Enzo Amendola. Sul tavolo della riunione ci sono i temi economici, a partire dalla manovra e i prossimi decreti Ristori, ma anche le future misure di contrasto al Covid. Con Dario Franceschini, Alfonso Bonafede, Roberto Speranza e Teresa Bellanova, è presente il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Riccardo Fraccaro.
Leggi anche: Quali regole per gli spostamenti, viaggi solo tra regioni a rischio basso.

Ore 9.46 - Tokyo farà di tutto per lo mantenere lo svolgimento dei Giochi Olimpici
Il governatore di Tokyo Yuriko Koike rimane fermo sulla possibilità di tenere in sicurezza le Olimpiadi del prossimo anno, nonostante le crescenti preoccupazioni per la recente recrudescenza delle infezioni da Covid-19 in Giappone: il paese ha registrato un aumento delle infezioni questo mese con un totale giornaliero nazionale superiore a 2.000 unità e il governo cerca di bilanciare misure preventive e attività commerciale senza danneggiare ulteriormente l’economia già colpita dalla pandemia. «In qualità di città ospitante, faremo tutto quello che è necessario per lo svolgimento dei Giochi», ha detto Koike in una conferenza stampa a Tokyo. Il suo commento arriva una settimana dopo la visita del presidente del Comitato Olimpico Internazionale Thomas Bach a Tokyo, dove ha tenuto una serie di colloqui con i funzionari olimpici giapponesi. Koike ha detto che l’uso diffuso di maschere tra i giapponesi è una delle misure di sicurezza più efficaci che hanno risparmiato il Giappone dall’alto tasso di infezioni che si sono verificate negli Stati Uniti e in Europa. Molti giapponesi li hanno usati come “dovere morale” nel tentativo di cooperare agli sforzi di prevenzione delle malattie, ha detto.

Ore 9.26- Sale a 11 il numero di positivo nella nazionale della Corea del Sud
Un altro membro dello staff della nazionale di calcio della Corea del Sud è risultato positivo al Covid-19 portando il conteggio delle infezioni all’interno del team a 11. I giocatori positivi sono in tutto sette.

Ore 9.16 - Germania, accordo tra Laender e governo: Natale con massimo 10 persone
I ministri-presidenti dei Laender tedeschi hanno trovato un accordo per le misure di contenimento per Natale e Capodanno: dal 23 dicembre al primo gennaio sarà possibile ritrovarsi con altri nuclei familiari o altri singoli per un massimo di 10 persone ( i bambini sotto i 14 anni non contano), mentre si invitano tutti i cittadini ad una quarantena preventiva auto-imposta prima delle festività. Lo riferisce Dpa, dopo aver preso visione di una bozza del documento che sarà discusso mercoledì in riunione con la cancelliera Angela Merkel.

Ore 9.03 - ReiThera- Spallanzani, avanzano gli studi sul vaccino italiano: «ben tollerato e induce risposta immunitaria»
Dopo gli annunci dei giorni scorsi, avanza anche la ricerca sul candidato vaccino tutto italiano contro Covid-19. ReiThera fa sapere infatti che il suo candidato vaccino Grad-Cov2 contro Covid-19 «è ben tollerato e induce risposta immunitaria nei soggetti sani di età compresa tra i 18 e i 55 anni». La Fase 1 - che valuta il candidato vaccino su 90 volontari sani - avanza ora nei soggetti più anziani, tra i 65 e gli 85 anni. L’azienda ha comunicato infatti oggi l’aggiornamento sullo studio clinico di Fase 1 del suo candidato vaccino, attualmente in corso. Lo studio è stato disegnato ed è condotto in collaborazione con l’Istituto nazionale per le malattie infettive Lazzaro Spallanzani di Roma, e ha ricevuto finanziamenti dal Mur - ministero della Ricerca - e dalla Regione Lazio. La società di Castel Romano, in provincia di Roma, fa sapere che la sperimentazione sta procedendo «secondo le tempistiche previste». I risultati dello studio dovrebbero consentire la selezione della dose di vaccino per ulteriori sperimentazioni cliniche di Fase 2 e 3.

Ore 8.43 - Londra riduce quarantena per viaggi da estero
I viaggiatori in arrivo in Inghilterra dall’estero, a partire da metà dicembre, avranno un obbligo di quarantena abbreviato rispetto agli attuali 14 giorni, se risulteranno negativi al tampone per il Covid-19 almeno cinque giorni dopo il loro ingresso nel Paese. Lo ha annunciato il governo britannico, con una mossa volta a rivitalizzare l’agonizzante industria dei viaggi, in particolar modo il settore dei viaggi aerei. Lo riporta il quotidiano Guardian. I viaggiatori dovranno però prenotare un test privato e pagarlo a loro spese, chi sceglierà di non farlo continuerà a dover osservare l’obbligo delle due settimane di autoisolamento.

Ore 8.42 - Riaprono le scuole elementari in Alto Adige
Dopo uno stop durato una decina di giorni in Alto Adige è ripresa la didattica a distanza nelle scuole elementari. A causa dell’alto numero di contagi in Provincia di Bolzano il governatore Arno Kompatscher per decreto aveva chiuso tutte le scuole, come anche l’assistenza all’infanzia. Dopo lo screening di massa, al quale ha partecipato il 64% della popolazione, è iniziatala la graduale riapertura. La giunta provinciale oggi dovrebbe stabilire la tabella di marcia per la ripresa della didattica a distanza (almeno per la prima media) e per alcune attività economiche.

Ore 7.56 - Cina, troppi contagi a Shangai: cancellati centinaia di voli
Centinaia di voli cancellati all’aeroporto di Pudong, a Shanghai, sui timori di un ritorno dell’epidemia di Covid-19. Oltre cinquecento voli sono rimasti a terra, secondo i dati di VariFlight, dove si sono verificati alcuni casi di contagio collegati all’area cargo. La Cina ha riportato generalmente sotto controllo l’epidemia, ma deve fare i conti con possibili focolai a livello locale: Shanghai ha riportato, a novembre, sette casi di contagio collegati all’aeroporto, l’ultimo dei quali oggi. Lo scalo aeroportuale della metropoli sta testando i dipendenti: oltre 17mila persone sono state sottoposte al tampone, fino a ieri mattina. Il riemergere dell’epidemia riguarda anche la metropoli di Tianjin, alle porte di Pechino, dove sono state sottoposte al test dell’acido nucleico 2,6 milioni di persone, dopo la comparsa di alcuni contagi sviluppatisi localmente (tra cui cinque sabato scorso e uno oggi).

Ore 7.50 - Miozzo (Cts): Manca la consapevolezza del danno che si fa ai giovani con le scuole chiuse
«Credo sia necessario uno sforzo di sintesi maggiore perché il mondo della scuola non è un problema del ministero dell’istruzione, è un problema della collettività». Così Agostino Miozzo, coordinatore del Comitato tecnico-scientifico, ai microfoni di `Moka´, Rai Radio 1. «Alla riflessione politica», ha aggiunto Miozzo, «manca la consapevolezza del danno che si sta generando nella dimensione privata dei nostri ragazzi». «Il salto di qualità che si deve fare», ha concluso Miozzo, «è pensare che la scuola è un mondo complesso nel quale dobbiamo investire non solo risorse finanziarie, ma anche attenzione politica».

Football news:

Klopp sui trasferimenti: non posso spendere soldi, ma solo dare raccomandazioni. Non ha mai preso tali decisioni
Allegri non e'nella lista dei candidati per il Chelsea. Tuchel è il favorito, Rangnick è il fallback
De Bruyne salterà da 4 a 6 settimane a causa di un infortunio. Non giocherà con il Liverpool e il Tottenham, probabilmente
Assistente Zidane: ogni sconfitta del Real Madrid solleva critiche. Sappiamo come reagire
Il sindacato parrucchieri criticato Промеса e Лабьяда per la festa di gol in stile taglio di capelli: Sono completamente staccato dalla realtà
Piazon su Chelsea: dopo 3-4 affitti, mi sono reso conto che era solo un business. È stato difficile, ma non mi pento
I risultati di Liverpool sono un'anomalia. Non fatevi ingannare dalle urla-la crisi non è così globale (anche se può costare il campionato)