This article was added by the user Anna. TheWorldNews is not responsible for the content of the platform.

Vaccino, terza dose al via per i fragili e gli over 60

UDINE. La Regione ha aperto, venerdì 22 ottobre, le prenotazioni per la terza dose a tutti gli over 60 che abbiano ottenuto il richiamo da almeno sei mesi e a coloro che, compiuti i 18 anni, rientrino tra le categorie a elevata fragilità. Complessivamente pertanto, tenendo in considerazione anche gli ultraottantenni che già da tempo possono prenotare la terza somministrazione parliamo di un paniere di oltre 400 mila persone.

Dose booster

Le prenotazioni possono essere effettuate mediante tutti i canali in uso: call center, Cup delle Aziende, farmacie e webapp.

A prescindere dal vaccino utilizzato per il ciclo primario (Pzifer, Moderna, AstraZeneca e Johnson&Johnson), considerate le indicazioni fornite da Ema e Aifa, fino a nuove indicazioni sarà possibile utilizzare come dose booster soltanto un farmaco a mRna, quindi Pfizer oppure Moderna.

Nel caso dei cittadini privi di particolare patologie si parla di dose booster, e non di terza somministrazione vera e propria, perchè non si tratta di una copertura quasi ex novo, come per i più fragili, bensì di un’iniezione destinata a coloro che, pur avendo risposto sufficientemente al ciclo completo, necessitano di ottenere un prolungamento della loro protezione.

Questa viene consigliata, e su indicazione del generale Francesco Paolo Figliuolo, somministrata adesso in parallelo a tutti gli interessati senza ordini di priorità, agli ultraottantenni, al personale e agli ospiti delle case di riposo, agli esercenti le professioni sanitarie e agli operatori di interesse sanitario che svolgono le loro attività nelle strutture sanitarie, sociosanitarie e socio-assistenziali più a rischio contagio, ai maggiorenni con elevata fragilità motivata da patologie concomitanti oppure preesistenti fino a, come detto, i soggetti nati nel 1961 e negli anni precedenti che abbiano completato il ciclo primario da almeno sei mesi.

Soggetti a elevata fragilità

Detto degli over 60 e di coloro che non sono già stati inclusi nelle categorie con immunodepressione primitiva o secondaria (circa 15 mila persone in Friuli Venezia Giulia), per i quali è stata già avviata in via prioritaria la somministrazione di una vaccinazione addizionale, la dose booster è raccomandata anche alle persone con elevata fragilità motivata da patologie concomitanti, oppure preesistenti, di età uguale o maggiore di 18 anni.

Le patologie previste sono: malattie respiratorie che necessitino di ossigenoterapia e fibrosi polmonare idiopatica; scompenso cardiaco in classe avanzata e pazienti post shock cardiogeno; sclerosi laterale amiotrofica e altre malattie del motoneurone, sclerosi multipla, distrofia muscolare, paralisi cerebrali infantili, miastenia gravis, patologie neurologiche disimmuni; soggetti con diabete di tipo 1, soggetti con diabete di tipo 2 che necessitano di almeno due farmaci per il diabete oppure che hanno sviluppato complicanze; morbo di Addison; panipopituitarismo; fibrosi cistica; cirrosi epatica; pazienti con pregresso evento ischemico-emorragico cerebrale che abbia compromesso l’autonomia neurologica e cognitiva; persone che hanno subito uno “stroke” nel 2020 - 2021 oppure prima dello scorso anno con un ranking almeno uguale a tre; talassemia major; anemia a cellule falciformi; altre anemie gravi; persone con sindrome di Down; persone con Bmi maggiore di 35 e disabili gravi ai sensi della legge 104/1992.

Quanto alla vaccinazione generale, infine, questa ha raggiunto quota 895 mila cittadini in prima dose (82,3% degli over 12) e 864 mila 82 in seconda (79,4%).

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito