Italy

Zingaretti da Barbara D’Urso: «Dimissioni irrevocabili, il Pd va avanti»

«Dimissioni irrevocabili? Sì, non cambio idea». Nicola Zingaretti conferma a «Non è la D’Urso» che non torna indietro. «Il Pd non è un partito del leader. Ci sono tante energie, è una grande forza popolare. Ci sarà sempre. Io non scompaio, ho tantissime cose da fare. Chi sarà il mio successore lo deciderà il congresso. In questo momento io sono il presidente della Regione Lazio. Il sindaco di Roma no, non è il mio obiettivo. Devo governare la mia Regione e sono concentrato solo su quello». Zingaretti si è soffermato anche sulle polemiche scoppiate dopo il suo tweet di solidarietà alla conduttrice. «La tua è una bella trasmissione, molto popolare. Io sono contro il populismo che però si combatte con una politica popolare non con la puzza sotto il naso. Mi è sembrato giusto darti la mia solidarietà, ma siamo stati investiti da critiche. Anche quello era un segnale che bisognava attaccare comunque».

Letta si chiama fuori

Intanto, uno dei possibili successori, Enrico Letta, si chiama fuori. «Con sorpresa ho letto il mio nome sui giornali— scrive su Twitter — come possibile nuovo segretario del PD. Quel che penso è che l’Assemblea tutta debba chiedere a Nicola Zingaretti, al quale va la mia stima e amicizia, di riprendere la leadership. Peraltro io faccio un’altra vita e un altro mestiere». Da più parti anche domenica sono arrivati appelli al ripensamento. Stefano Vaccari, responsabile organizzazione del Pd, su Il Mattino, ha esplicitamente detto di «sperare che sia ancora Zingaretti a guidare il Pd», e parole analoghe le ha dette Virginio Merola, sindaco di Bologna. Un auspicio condiviso dal capogruppo Graziano Delrio, che pure non è della maggioranza dato che alle primarie ha sostenuto Maurizio Martina. Certo è pure arrivata una critica alla «linea di Goffredo Bettini» seguita da Zingaretti, espressa da padre Francesco Occhetta, scrittore della Civiltà cattolica sulla politica italiana fino a un anno fa e oggi docente alla Gregoriana. Essa fa seguito a quella di un’altra rivista cattolica di ispirazione ulivista, Il Regno. Critiche girate sulle chat degli esponenti di Base riformista.

Football news:

Kane è diventato il detentore del record per il numero di gol in APL per i giocatori senza titolo, battendo Fowler
Ancelotti Pro 2-2 con Tottenham: una delle migliori partite casalinghe di Everton. Se facciamo meno errori in area di rigore, possiamo vincere la partita. Questa è stata una delle migliori partite casalinghe. Abbiamo creato momenti per vincere
Mourinho delle parole di Pogba su di lui: non mi Interessa quello che dice. Non è Interessante
Mourinho sul rigore di Everton: Non commento. L'allenatore del Tottenham José Mourinho ha parlato del calcio di rigore assegnato a favore Dell'Everton APL
Kane è uscito al 7 ° posto nella lista dei migliori marcatori della APL. Ha 164 gol
Yaya Toure Guardiola ha inviato una lettera di scuse: per Molto tempo in attesa di una risposta
Marcelino sulla Coppa di Spagna: il Barça non può vincere senza soffrire. Sono abituati a vincere le finali