Italy

Acqua: 'Water Revolution' negli Emirati, gruppo Cap fa lezione ad Abu Dhabi

Leggi anche

"Costo, capacità e continuità i nodi dell'idrogeno"

Sostenibilità

Roma, 30 set. - (Adnkronos) - Costo, capacità e continuità delle energia rinnovabili: queste le tre principali questioni da affrontare per agevolare una transizione che vada nella direzione dell'idrogeno, secondo…

'A Misura d'ambiente', più di 13mila alberi piantumati da Nord a Sud

Sostenibilità

Roma, 30 set. (Adnkronos) - Dai calanchi di Matera a rischio continuo di erosione ai boschi andati in fumo nel parco nazionale del Vesuvio. Dagli orti urbani di Torino curati…

'A Misura d'ambiente', più di 13mila alberi piantumati da Nord a Sud

Sostenibilità

Roma, 30 set. (Adnkronos) - Dai calanchi di Matera a rischio continuo di erosione ai boschi andati in fumo nel parco nazionale del Vesuvio. Dagli orti urbani di Torino curati…

Iaquaniello (NextChem): "Possiamo già produrre idrogeno da rifiuti"

Sostenibilità

Roma, 30 set. - (Adnkronos) - "Già oggi possiamo produrre idrogeno utilizzando rifiuti, a un costo competitivo con i fossili e, in questo modo, risolvere anche il problema della gestione…

Roma, 30 set. – (Adnkronos) – Gruppo Cap supera i confini europei e porta la sua strategia di sostenibilità e la sua #waterevolution negli Emirati Arabi. L’invito arriva direttamente da Bts Italy, società di consulenza che si occupa di programmi di strategy execution per realtà italiane e internazionali, che ha chiesto all’azienda pubblica che gestisce il servizio idrico della Città metropolitana di Milano, di partecipare al webinar dedicato agli studenti della Abu Dhabi School of Government, istituto di formazione dei futuri membri del governo della città.

Il webinar si tiene oggi, 30 settembre, e la lezione sarà tenuta da Andrea Lanuzza, direttore generale Gestione di gruppo Cap.

“In un Paese dove l’acqua è preziosa quanto il petrolio, parlare di centralità della risorsa idrica nella gestione di una città è un tema fondamentale – spiega Andrea Lanuzza – La #Waterevolution di Gruppo Cap testimonia l’importanza dell’innovazione, della sensibilità e della resilienza nel futuro delle nostre città, punti cardine nella strategia di sviluppo sostenibile del servizio idrico del futuro.

Quest’anno abbiamo dato vita a un piano di investimenti da oltre mezzo miliardo di euro (524.105.091 euro) per i prossimi 5 anni, che ha concentrato l’attenzione sugli investimenti in economia circolare”.

L’innovazione tocca ogni settore produttivo, entra nelle case dei cittadini, cambia le relazioni tra le persone, introduce nuove opportunità nel lavoro e nella vita quotidiana. Rappresenta l’elemento essenziale che garantisce continuità al servizio. Il futuro della gestione integrata di Cap passa anche dalla capacità di rendere smart reti e impianti.

L’innovazione rappresenta uno strumento di crescita per le aziende che si occupano della gestione del servizio idrico integrato, tanto più se lo si concepisce in termini di sinergie industriali e scambio di competenze ed esperienze.

In questo campo d’azione, gruppo Cap ha fatto scuola, innovando il sistema idrico integrato e il territorio dei Comuni presidiati in ottica di economia circolare. Tra le best practice di gruppo Cap vi sono gli investimenti fatti in ricerca & sviluppo, come il progetto di simbiosi industriale CE4WE (Circular Economy for Water and Energy), tra i 33 progetti vincitori del bando “Call Hub Ricerca e innovazione”, fiore all’occhiello della strategia di Open Innovation di Regione Lombardia.

Capofila del progetto l’Università degli Studi di Pavia che, con un team di oltre 100 cento tra ricercatori ed esperti, intende sviluppare soluzioni innovative su aspetti chiave della gestione del ciclo idrico e sulla valorizzazione dei materiali di scarto per produrre energia pulita.

La visione circolare di gruppo Cap annovera un’altra best practice: la Biopiattaforma, il progetto che trasformerà il termovalorizzatore di Sesto San Giovanni e il depuratore adiacente in un polo green dedicato all’economia circolare e carbon neutral (a zero emissioni di CO2).

Sarà il primo impianto italiano in grado di impiegare i fanghi di depurazione e la frazione umida dei rifiuti per produrre biometano, energia pulita ed eco-fertilizzanti.

La generazione di valore dalla trasformazione dei rifiuti darà vita inoltre a un ecosistema sostenibile in grado di autoalimentarsi: le acque depurate andranno a irrigare il parco, mentre il biometano prodotto dal digestore servirà per alimentare le vetture e i veicoli adibiti al trasporto.

Football news:

Le riforme del Manchester United e del Liverpool ricordano la storia della creazione di APL. Poi TOP stanco di socialismo e voleva la libertà
Thomas Müller: il Bayern è sicuro di sé, siamo in buona forma
Anton Russia e della partita con il Bayern: Lasciamo vincere e mettere i più alti obiettivi
Frankie De Jong: la vita a Barcellona è così piacevole che può sembrare che tu sia in vacanza per un anno Intero
Donnarumma, Hauge e tre membri della squadra di Milano hanno contratto il coronavirus
Ribery, 37 anni, nella top di Serie A in pressing, dribbling, Speed e assist. E educa anche i giovani e pensa alla carriera dell'allenatore
Il Real Madrid vuole risolvere il problema con il Contratto di Ramos il prima possibile