Italy

Al Teatro Nazionale arriva Il Mercato della carne

Neppure in questo clima di incertezze, paura e confusione il Teatro Nazionale diminuisce l’attenzione verso il suo pubblico, ben consapevole che proprio ora abbiamo tutti un bisogno insopprimibile di tenere sveglie le calorie vitali, quelle che meglio fanno apprezzare la buona arte e la buona compagnia.

E lo stesso Teatro sta ben attento a continuare il colloquio con la sua meglio gioventù, gli allievi neodiplomati della sua scuola e a non disperderne il  patrimonio acquisito di energia, tecnica, attività.

Per questi motivi il Teatro Nazionale, mentre continua a provare i prossimi spettacoli, ha aperto qualche giorno fa alla sala Mercato del Teatro Modena la prova conclusiva de “Il mercato della carne” (spettacolo inserito come titolo di spicco della scorsa Rassegna di Drammaturgia Contemporanea e mai andato in scena) a un ristretto numero di operatori e giornalisti.

Il mercato della carne

Una commedia nerissima e fin troppo attuale, che non bada a sfumature di linguaggio e situazioni, ambientata in un futuro  incombente, dove la cosiddetta generazione Z è alle prese con il mondo del lavoro.

Corruzione, paranoie, nichilismo e ansia da prestazione in una lotta senza esclusione di colpi. La scrittura incisiva di Bruno Fornasari rivive nell’interpretazione di un ensemble dei giovani attori diplomati alla Scuola del Teatro Nazionale di Genova diretto da Simone Toni, che, presentando il lavoro, lo descrive come un testo pungente ed ironico; l’ambiente è un un surreale ufficio di collocamento, gestito da un farabutto, dove, in cambio di favori, si promettono colloqui di lavoro che non avvengono mai. “Mi sento di sperare – continua il regista – che quel mondo sia solo un incubo da cui usciremo presto”.

E ancora Toni rileva che ora  davanti a noi c’è il nulla vero, l’annullamento del senso di una società e di una attività scenica che devono per  forza avviarsi verso un cambiamento, affinché l’evento teatrale sia nuovo come dovremo esserlo noi quando ci potremo rivedere a meno di un metro.

Si sarà dunque in  un mercato in cui tutte le parti (attori e spettatori) saranno sia i clienti che la merce. Un luogo in cui mantenere distanze di sicurezza per poi infrangerle, cercando insieme una via d’uscita, una speranza, che oggi popola solo l’immaginario. Elisa Prato

Football news:

Griezmann ha parlato con Hamilton e ha visitato i box Mercedes al Gran Premio di Spagna
Barcellona sente che Neymar l'ha usata. Ha detto che voleva tornare, ma ha esteso il contratto con il PSG (RAC1)
Obameyang-i fan Dell'Arsenal: volevano regalarti qualcosa di buono. Mi dispiace che non siamo riusciti
L'Atlético non ha perso al Camp Nou. L'infortunio di Busquets è un evento di svolta della partita (e una gara di campionato?)
Verratti ha danneggiato i legamenti del ginocchio durante L'allenamento del PSG. La partecipazione All'Euro è ancora in discussione
Il Contratto di Neymar in una foto. Mbappe vuole lo stesso
Il Manchester United vorrebbe firmare L'estate di Bellingham, non Sancho. Il Borussia Dortmund non ha intenzione di vendere Jude