Italy

Alatri, Ebrei a Roma, l'evoluzione degli asili

GIOVANNA ALATRI, EBREI A ROMA. ASILI INFANTILI DALL'UNITÀ ALLE LEGGI RAZZIALI (Fefè Editore, pp.130, 12 Euro). È un interessante affresco storico e pedagogico quello ricostruito da Giovanna Alatri nel libro "Ebrei a Roma. Asili infantili dall'Unità alle Leggi Razziali", in uscita il 5 novembre con Fefè Editore. Il libro, con la prefazione di Riccardo Di Segni e l'introduzione di Paolo Mieli, racconta l'evoluzione dell'istruzione infantile della comunità ebraica a partire dal 1870, con Roma Capitale del Regno d'Italia e l'apertura del Ghetto, fino alla promulgazione delle leggi razziali del 1938. "Questo lavoro apre un'ulteriore finestra su un periodo storico che malgrado contributi di studi importanti lascia ancora molto da scoprire, e ci si augura che sia uno stimolo a ulteriori ricerche", scrive Riccardo Di Segni nella prefazione. Nel libro infatti l'autrice (laureata in pedagogia, già docente montessoriana, da anni è collaboratrice del museo Storico della didattica "Mauro Laeng" di Roma e dell'Opera Nazionale Montessori) documenta l'emancipazione, con forti cambiamenti nella vita pubblica e privata, dei circa 4000 ebrei di Roma quando in città, nel settembre del 1870, arrivò il Regio Esercito Sabaudo. In quel contesto di trasformazione, cambiò anche l'impianto assistenziale, tra large fasce di indigenti e pochi benestanti. In particolare il servizio del supporto all'infanzia venne riordinato, con la creazione di un asilo unico (al posto dei due precedenti, quello per maschi e quello per femmine), a cui furono dati una sede dignitosa e un indirizzo pedagogico efficiente. Alatri racconta come quello della riorganizzazione degli asili fu un lavoro lento che durò decenni: i programmi furono sistematizzati e particolare attenzione fu dedicata ai metodi educativi, introducendo i concetti pedagogici froebeliani che per l'epoca erano una novità. (ANSA).
   

Football news:

Suarez ha superato il test negativo per il coronavirus e domani tornerà al gruppo Generale Atletico
Chelsea è pronto a vendere Rüdiger e Tomori in inverno. Il tedesco era Interessato a Barcellona
Chalhanoglu ha segnato 18 gol in punizione per 7 anni. Solo messi (36) più tra i giocatori della top 5 di Europa League
Adrien rabio: non ha segnato il 750 ° gol di Ronaldo. Ora non è il momento per le feste
Mourinho su Artet: per lavorare Nell'Arsenale bisogna essere un buon allenatore. Se non sei bravo, non sei nel Club
Ramos difficilmente giocherà con Siviglia. Può tornare a giocare con il Borussia
Neymar ha convinto messi a trasferirsi nel PSG la scorsa estate. Vuole che Leo si unisca al club nel 2021