Italy

Antonello Ieffi condannato a 2 anni e mezzo per l’inchiesta su mascherine

Condannato a 2 anni e mezzo di carcere l’imprenditore Antonello Ieffi, accusato di turbativa d’asta in una gara indetta da Consip per l’acquisto e forniture di 3 milioni di mascherine mai arrivate in Italia. Lo ha deciso il giudice monocratico di Roma che ha assolto l’imputato dal reato di inadempimento di contratti nelle pubbliche forniture con la formula perché il fatto non sussiste. È la prima sentenza legata a un’indagine nata durante l’emergenza coronavirus.

Ieffi era stato arrestato il 9 aprile scorso nel pieno del lockdown e scarcerato circa un mese dopo. Al centro della vicenda giudiziaria una gara da appalto per la fornitura di protezioni individuali del valore complessivo di 15,8 milioni di euro.

Il pm aveva sollecitato una condanna a 5 anni di carcere affermando che l’indagine è nata in «un momento in cui l’Italia era a terra, in emergenza, c’erano le file fuori dalle farmacie per cercare le mascherine e sarebbe stato davvero importante riuscire ad averle in quel momento ma il vero scopo dell’operazione portata avanti da Ieffi era ottenere un anticipo di pagamento da Consip, che però da accordo non poteva essere chiesto».

Dal canto loro, i difensori dell’imprenditore mettono in risalto l’assoluzione dal secondo capo di imputazione, arrivata con la formula «perché il fatto non sussiste». «Ieffi, dipinto come il truffatore che, in spregio delle esigenze dei cittadini, avrebbe fatto finta di avere le mascherine, facendosi dare i soldi dalla Consip, è stato assolto proprio da questa accusa, perché evidentemente le mascherine c’erano», hanno commentato gli avvocati Andrea Coletta e Ivano Chiesa, aggiungendo che il loro assistito «non ha mai preso un euro. Resta la turbativa d’asta perché non era stato dichiarato che c’erano dei debiti fiscali che impedivano all’azienda di partecipare alla gara» .

Nel corso del processo l’imprenditore si è difeso affermando che il suo operato era finalizzato a «fare del bene al Paese in un momento drammatico». Per l’accusa Ieffi non aveva alcun tipo di credenziali per potere accedere a quel bando di gara. L’indagine era partita da una denuncia di Consip in cui si faceva riferimento ad una serie di anomalie riscontrate nell’ambito della procedura di una gara bandita d’urgenza per garantire l’approvvigionamento di dispositivi di protezione individuale e apparecchiature elettromedicali. La società riconducibile a Ieffi, con la sottoscrizione di apposito Accordo Quadro con Consip, si era impegnata, tra l’altro, alla consegna dei primi 3 milioni di mascherine entro 3 giorni dall’ordine. Mascherine mai giunte dalla Cina in Italia.

Football news:

Hazenhuttle su 2-3 con il Manchester United: hanno festeggiato come se avessero vinto L'APL. Questo è significativo
Hazard salterà a causa di un infortunio di circa 3 settimane
Bude-Glimt è un campione unico: trascina il portiere russo, un ex pilota militare risponde alla psicologia, Holand guarda tutte le partite
La Juventus può scambiare Dybala con Icardi nel PSG la prossima estate
Joan Laporta: L'Inter ha offerto 250 milioni di euro per Messi nel 2006, ma ho detto di no
Mikel Arteta: il giorno in cui ho deciso di diventare allenatore, sapevo già che un giorno sarei stato licenziato
La Nazionale tedesca sta affondando nei problemi. Rinunciare a Mueller, Hummels e Boateng potrebbe costare a Lev il lavoro