Italy

Autostrade, Renzi ‘boccia’ Conte: ‘Difficile la revoca. Il populismo urla slogan, la politica propone soluzioni’

ultimo aggiornamento: 13-07-2020

Nicolò Olia

Caso Autostrade, Renzi replica a Conte: “I populisti chiedono da due anni la revoca della concessione. Facile da dire, difficile da fare”.

Il caso Autostrade si infiamma nella giornata del 13 luglio, alla vigilia del Consiglio dei Ministri che dovrà mettere un punto alla questione. Il premier COnte al Fatto Quotidiano usa parole forti, parla di una proposta inaccettabile da parte di Aspi e accusa i Benetton di prendere in giro gli italiani. Tutti d’accordo? Più o meno, perché poche ore dopo la pubblicazione dell’intervista del premier arriva la replica di Matteo Renzi.

Matteo Renzi
Matteo Renzi
Roma 13/08/2019 – conferenza stampa Matteo Renzi / foto Samantha Zucchi/Insidefoto/Image nella foto: Matteo Renzi

Autostrade, Renzi blocca Conte: “Il populismo urla slogan, la politica propone soluzioni”

Il leader di Italia Viva stoppa il premier Conte e rimette in dubbio la revoca delle concessioni ad Autostrade. O meglio certifica la spaccatura nella maggioranza di governo.

Per Matteo Renzi aprire un contenzioso con Autostrade significherebbe correre il rischio di pagare i danni e gli interessi. E fino alla conclusione dell’iter legale si bloccano cantieri, lavori e opere.

Nasce così la terza ipotesi, quella di un coinvolgimento di Cdp in Atlantia.

I populisti chiedono da due anni la revoca della concessione ad Autostrade. Facile da dire, difficile da fare. Perché se revochi senza titolo fai un regalo ai privati, ai Benetton, ai soci e apri un contenzioso miliardario che crea incertezza, blocco cantieri, licenziamenti. Questa è la verità. A dire la verità si perdono forse punti nei sondaggi, ma si salvano le nuove generazioni da miliardi di debiti. La strada è un’altra. Se proprio lo Stato vuole tornare nella proprietà, l’unica possibilità è una operazione su Atlantia con un aumento di capitale e l’intervento di Cdp. Operazione trasparente, società quotata, progetto industriale globale. Non ci sono alternative serie e credibili. Il populismo urla slogan, la politica propone soluzioni“.

La resa dei conti in Consiglio dei Ministri

Nella giornata di martedì andrà in scena la resa dei conti in Consiglio dei Ministri. Il premier Conte è uscito allo scoperto bocciando l’ultima proposta ricevuta da Autostrade. La posizione del Movimento 5 Stelle è chiara: niente Benetton, neanche in minoranza. Italia Viva, come noto e come confermato da Renzi, è decisamente più prudente. A questo punto l’ago della bilancia potrebbe essere il Pd, storicamente orientato alla revisione e non alla revoca delle concessioni. E il rischio di una frattura con i pentastellati è concreto come non mai.

Football news:

Bene bene su 0:1 con Siviglia: delusione. Wolverhampton ha saltato troppo spesso negli ultimi minuti
Immobile su Newcastle: hanno chiamato il mio agente quando gli sceicchi stavano comprando il club
Liverpool è sicuro che firmerà Tiago. Il giocatore ha già accettato il contratto e preme sul Bayern
Il nostro giudizio = paura e impotenza. Invece di Kaloshin e Kashai-un sistema senz'anima, a cui non importa
Lothar Matteus: Messi non è abbastanza per passare un Bayern del genere. Non ho paura del leopardo
Thomas Tuchel: Mbappe giocherà con Atalanta se non succede nulla
Lille ha acquistato da Gand 20 anni, l'attaccante David. E ' il miglior cecchino della CONCACAF Cup