Italy

Bergamo, parenti delle vittime di Covid a Ue: “Crimini contro l’umanità in gestione emergenza”

I parenti delle vittime Covid del comitato "Noi denunceremo"
in foto: I parenti delle vittime Covid del comitato "Noi denunceremo"

Possibili crimini contro l’umanità nella gestione dell’emergenza Coronavirus in Lombardia. È questa "l'accusa" mossa dai familiari delle vittime di Covid 19 appartenenti al Comitato Noi Denunceremo contenuta nella lettera che lunedì invieranno alla presidente della Commissione europea, Ursula Von der Leyen, e al presidente della Corte europea dei diritti dell’uomo, Ròbert Ragnar Spanò.

Una lettera il cui contenuto verrà divulgato nei prossimi giorni e che è stata scritta per chiedere la supervisione delle più alte cariche europee, sia politiche che giuridiche, sulle indagini in corso in Lombardia portate avanti dalla procura di Bergamo dopo le decine di denunce presentate proprio dai parenti delle vittime di Covid nella zona della Bergamasca. Tre le decisioni che secondo quanto espresso nella lettera avrebbero esposto la cittadinanza a un maggiore rischio di contagio: la riapertura dell’ospedale di Alzano Lombardo, la decisione di mantenere aperte le attività produttive tra Alzano Lombardo e Nembro, nella Bergamasca, e la zona di Orzinuovi nel Bresciano e la gestione da parte delle Ats dei pazienti ricoverati, molti dei quali spostati dagli ospedali alle Rsa.

Gli articoli citati nella lettera, a cui fa appello il comitato ipotizzando i crimini contro l’umanità, sono l’1, il 2 e il 3 della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea, che riguardano il diritto alla dignità umana e alla vita, nonché all’integrità fisica e psichica. Inoltre, viene citato anche l’articolo 32 della Costituzione italiana, secondo cui “la Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti”.

Football news:

Rafinha può passare dal Flamengo a Olympiacos
Yang Cloud: volevo combattere con il Real Madrid e barca fino alla fine della stagione. Non ci siamo riusciti
Cavolo è passato a Lehi. Il centrocampista ha trascorso per Leicester 3 partite in 4 anni e ha lasciato in affitto
Iker Casillas: lasciare il Real Madrid è stato doloroso, ma questa è casa mia. Perez ha detto che dovresti essere qui
Obamecano del PSG: questo è il più grande club della Francia. Ci arrenderemo e cercheremo di vincere
Dembele è stato permesso di partecipare alla partita con il Bayern. Non gioca da novembre
Porto ha firmato il portiere del Portogallo Ramos