Italy

Bruna Bovino uccisa e data alle fiamme a Bari, sentenza ribaltata per l’ex: condannato a 26 anni

Condannato a 26 anni e sei mesi Antonio Colamonico, imputato per aver ucciso a colpi di forbici Bruna Bovino, estetista di 29 anni sua ex fidanzata. Il brutale delitto il 12 dicembre 2013 nel centro estetico a Mola di Bari. La mamma: “Nessuna sentenza potrà restituirmela, ma oggi dopo 8 anni finalmente è stata fatta giustizia”.

Ventisei anni e sei mesi. Questa la condanna decisa dalla Corte di Assise di Appello di Bari per Antonio Colamonico, 41enne imputato per l'omicidio della ex compagna Bruna Bovino. La donna, una ventinovenne italo-brasiliana che lavorava come estetista, venne uccisa a Mola di Bari il 12 dicembre 2013. Il corpo fu trovato semicarbonizzato sul pavimento del centro estetico dopo essere stata uccisa con 20 colpi di forbici e strangolata. Nel 2015, in primo grado, l’imputato era stato condannato a 25 anni di reclusione ma poi in appello, nel novembre 2018, era stato assolto e oggi, dopo l'annullamento con rinvio da parte della Cassazione, un nuovo collegio della Corte di Assise di Appello ha ribaltato la sentenza. Colamonico è dunque ritenuto colpevole di omicidio volontario e incendio doloso, senza il riconoscimento della continuazione tra i due reati. Colamonico venne arrestato nell'aprile 2014 con le accuse di omicidio volontario e incendio doloso. Nella ricostruzione dell'accusa, le fiamme furono appiccate per cancellare le prove del brutale delitto.

La mamma di Bruna dopo la sentenza: "Fatta giustizia"

"Mia figlia non c'è più, non tornerà più e nessuna sentenza potrà restituirmela, ma oggi dopo 8 anni finalmente è stata fatta giustizia”, così in lacrime dopo la sentenza Lilian Baldo, la madre di Bruna. Uscendo dal Palazzo di giustizia di piazza De Nicola, a Bari, la donna si è detta fiduciosa che la Cassazione, se questa sentenza dovesse essere impugnata, confermerà la condanna. “Lui era l'unico, non c’erano altri indiziati, non poteva essere stato un altro e adesso lo hanno confermato i giudici. Mi batterò fino a quando sarò viva perché mia figlia abbia giustizia, per lei e per i suoi figli”, così la mamma della giovane uccisa. Nel processo per l'omicidio di Bruna Bovino erano costituiti parti civili, oltre alla mamma, la zia e la Regione Puglia.

Football news:

Conte è pronto a guidare il Manchester United, ma vuole un contratto di tre anni
Mike Richards: al Manchester United, tutti vogliono essere la stella principale, non correre e prendere la palla. Questa non è una squadra
Modric su 400 giochi per il Real Madrid: tutto è perfetto fin dall'inizio. Ha realizzato il suo sogno di giocare qui
Neville sul Сульшере: Non pensavo che i tifosi del Manchester United si allontanano da me a causa del sostegno a chi ha vinto per noi la Champions League
Sulscher dopo 0-5 dal Liverpool ha detto ai giocatori che dovevano combattere e li ha chiamati per l'unità
Wanda Nara è tornata da Icardi dopo aver accettato il divorzio
Uli Heness: Luca Hernandez deve andare in prigione a causa di qualcosa che è successo anni fa. E ' una stronzata, sua moglie