Italy

Calcio, Bologna: sospetta positività al coronavirus, stop agli allenamenti e rischio quarantena

Un caso di «sospetta positività» al coronavirus nello staff del Bologna Calcio. È lo stesso club a darne notizia con una nota, spiegando che è emerso nell'ultima serie di esami a cui è stato sottoposto il gruppo-squadra.

«In attesa di ulteriori approfondimenti, la squadra in via precauzionale giovedì riprenderà gli allenamenti in forma individuale e ad orari differenziati senza uso di locali comuni. Nel caso in cui fosse confermata la positività, il gruppo-squadra sarà isolato in ritiro», prosegue la società. Secondo l'ultima versione del protocollo approvata dal Comitato tecnico scientifico sarebbe previsto anche lo stop degli allenamenti individuali.

C'è quindi un rischio quarantena in serie A, campionato che attende giovedì sera di av ere il via libera dal governo per il 13 o il 20 giugno. La serie A è ferma dal 9 marzo e cercherà di recuperare le 124 partite mancanti entro l'estate.

I rossoblù hanno ricominciato dalla settimana scorsa ad allenarsi in gruppo (dopo una fase di allenamenti individuali) e nei giorni scorsi hanno disputato anche la prima partitella agli ordini di Sinisa Mihajlovic. La sospetta positività di un membro del suo staff è motivo di preoccupazione anche perché il tecnico del Bologna è stato sottoposto nei mesi scorsi a un trapianto di midollo dopo che gli era stata diagnosticata la leucemia.

Football news:

Jürgen Klopp: i titoli non rendono i giocatori migliori. Non mi piacciono le domande sulla dinastia e sul dominio
Il nuovo contratto di Javi con al Saddah ha un'opzione che consente di andare a Barcellona
Lewandowski sulla vittoria nella finale di Coppa di Germania: hanno dimostrato che il Bayern è la squadra migliore
Pep Guardiola: felice di giocare in Champions League con il Real Madrid, il re di questo torneo
Javi ha esteso il contratto con Al-Sadd fino alla fine della stagione 2020/21
Asensio per la prima volta in 420 giorni è uscito nella formazione di partenza del Real Madrid
Barcellona chiede alla Nike un risarcimento. La società aveva precedentemente ritirato il modulo dai negozi a causa della scarsa qualità