This article was added by the user . TheWorldNews is not responsible for the content of the platform.

Caso Eitan, il bambino è tornato in Italia: il suo aereo è atterrato all’aeroporto di Orio al Serio

Il bambino è arrivato in Italia: Eitan è atterrato alle 22 all’aeroporto di Orio al Serio (Bergamo). Con lui c’era la zia paterna e tutrice Aya Biran.

Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Eitan è tornato in Italia: l'aereo del bambino è atterrato nella serata di oggi, giovedì 2 dicembre, all'aeroporto di Orio al Serio (Bergamo). il piccolo, unico sopravvissuto alla tragedia del Mottarone, era sull'aereo in compagnia della zia e tutrice Aya Biran, suo marito Or e le loro due figlie. Non è ancora chiaro se tornerà nella villetta di Travacò Siccomario, comune in provincia di Pavia, o sarà portato per un periodo in un'altra località. Stando a quanto riportato dall'agenzia Ansa, sembrerebbe che fuori casa degli zii paterni siano stati allestiti dei tendoni per garantire la privacy del piccolo.

Il rientro disposto dalla Corte Suprema di Tel Aviv

Il suo rientro è stato disposto dalla Corte Suprema di Tel Aviv. Dopo l'incidente del Mottarone, il tribunale di Torino aveva stabilito che la tutrice legale fosse la zia paterna. A settembre Eitan è stato prelevato da casa di Biran dal nonno materno e portato in Svizzera. Da lì sono partiti alla volta di Tel Aviv. Per questa azione, il nonno Shmuel Peleg è indagato per sequestro di persona e su di lui pende un mandato d'arresto internazionale.

Il procedimento civile in Italia

Dopo il rapimento, la zia paterna si era appellata al tribunale della famiglia di Tel Aviv chiedendo che venisse rispettata la Convenzione sui minori dell'Aja. Sia i giudici di primo grado che quelli di secondo grado, hanno dato ragione ad Aya Biran. Dello stesso parere infine anche quelli della Corte Suprema. I procedimenti relativi all'affidamento del piccolo non sono però terminati. Se ne svolgerà un altro in sede civile in Italia. Le due famiglie quindi si troveranno ancora una volta a contendersi il ruolo di tutore del bambino.