Italy

Champions League, Atletico Madrid-Liverpool 1-0. Il Dortmund batte il Psg 2-1

Calcio e spettacolo, è tornata la Champions League. Nelle gare di andata degli Ottavi di finale l’Atletico batte il Liverpool e il Borussia supera il Psg.

Tornano le grandi emozioni del calcio europeo, della Champions League, del gioco più bello del mondo. Dei campioni e delle sorprese. Si inizia a fare sul serio con la gara di andata degli Ottavi di finale. Novanta minuti di grande calcio e colpi di scena, con l’Atletico Madrid che sovverte i pronostici della vigilia e batte il Liverpool 1 a 0 e il Borussia Dortmund che si impone sul Psg per 2-1.

Champions League
Champions League
fonte foto https://twitter.com/ChampionsLeague

Champions League, Atletico Madrid-Liverpool 1-0

ATLETICO MADRID-LIVERPOOL 1-0
Marcatori 4′ Saul

ATLETICO MADRID (4-4-2): Oblak; Vrsaljko, Savic, Felipe, Lodi; Koke, Saul, Thomas, Lemar (46′ Llorente); Correa (77′ Diego Costa), Morata (70′ Vitolo). All. Simeone

LIVERPOOL (4-3-3): Alisson; Alexander Arnold, Van Dijk, Gomez, Robertson; Henderson (80′ Milner), Fabinho, Wijnaldum; Salah (72′ Oxlade-Chamberlain), Firmino, Mané (46′ Origi). All. Klopp

Ammoniti: Mané (L), Correa (AM), Gomez (L)

La trama della partita era chiara sin dalla vigilia, con i padroni di casa che avrebbero fatto di tutto per tenere inviolata la propria porta e i Reds che avrebbero tentato di indirizzare il discorso qualificazione sui binari consoni.

E invece pronti, partenza, via e l’Atletico sblocca la partita dopo appena 4′ con Saul che su azione di angolo si ritrova con il pallone tra i piedi dopo un tentativo di disimpegno impreciso della difesa dei Reds. Conclusione a botta sicura da distanza ravvicinata e pallone in fondo al sacco.

La squadra di casa spinge con convinzione e prova ad approfittare degli spazi concessi dagli inglesi. Al minuto ventisei occasione per Morata che in area di rigore evita il ritorno di Fabinho e calcia con il destro, bravo Alisson. Bisogna attendere trenta minuti circa per la prima azione degna di nota di Salah che arriva alla conclusione da posizione favorevole ma manca il bersaglio grosso.

Nella ripresa parte bene l’Atlteico ma la prima palla gol capita sulla testa di Salah che non trova lo specchio della porta da distanza ravvicinata.

Al settantesimo grande occasione per Morata che potrebbe chiudere la partita e quasi il discorso qualificazione, ma proprio sul più bello, da pochi passi dalla porta, scivola al momento del tiro e grazia il Liverpool.

Diego Simeone Correa
Diego Simeone Correa
Fonte foto: https://www.facebook.com/diegopablosimeoneoficial/

Borussia Dortmund-PSG 2-1

BORUSSIA DORTMUND-PSG 2-1
Marcatori
: 69′ e 77′ Haaland (D), 75′ Neymar (P)

BORUSSIA DORTMUND (3-4-3): Bürki; Piszczek, Hummels, Zagadou; Hakimi, Emre Can, Witsel, Guerreiro; T. Hazard (67′ Reyna), Haaland, Sancho (90’+1 Schmelzer). All. Favre

PSG (3-4-3): Navas; Marquinhos, Thiago Silva, Kimpembe; Meunier, Gueye, Verratti, Kurzawa; Di Maria (77′ Sarabia), Mbappé, Neymar. All. Tuchel

Ammoniti: Witsel (D), Gueye (P), Neymar (P), Meunier (P), Verratti (P)

Era il giocatore più atteso della partita e tutti erano pronti a criticarlo in caso di prestazione deludente. Invece Haaland mette a segno due reti contro le stelle del Psg e oscura Neymar regalando al Dortmund una vittoria meritata. Ma il 2 a 1 tiene apertissimo il discorso qualificazione.

Il giovane talento mette in mostra tutto il suo repertorio. Sblocca la partita con un gol da rapace d’area di rigore, poi incassa il momentaneo pareggio firmato Neymar e quindi riporta in vantaggio il Borussia con una conclusione di rara potenza e precisione. Il tutto nei secondi quarantacinque minuti, dopo un primo tempo decisamente poco emozionante.